The Canyons: Recensione Film

A VENEZIA 70 PAUL SCHRADER OSA A BASSO COSTO E FILMA UNA LOS ANGELES DA PSYCHO CON  INTERESSANTI RISULTATI

locandina the canyonsGENERE: thriller

DURATA: 104 minuti

VOTO: 2,5 su 5

Se mai siete stati a Los Angeles, se mai avete amato questa città, Schrader ve ne racconterà un breve stralcio, un tuffo iperbolico nel mondo arricchito del cinema, senza scrupoli e talvolta valori. Il lato oscuro degli altolocati, talvolta produttori, talvolta seduttori, talvolta psicopatici, sempre nel segno di una inquietante eleganza hitckockiana. Questo è The Canyons.

Storia vecchia come il mondo, ma interpretata in maniera credibile e che regala pathos nel crescendo di duetti tra la protagonista, la stalkerata Lindsay Lohan (look da ultra 40 enne rifatta) e il suo fidanzato James Deen, attore porno a tutto tondo. Triangoli amorosi, intrighi e soprattutto tante bugie in una realtà artefatta in cui la parola fiducia è pressochè inesistente.

Il valore di un uomo, inteso come essere umano, si misura in ciò che dice e come si comporta, questo vuole sottolineare una regia lucida e pulita, low budget in tutti i sensi, ma con una fotografia che ricorda i migliori “sunset” del panorama, sfoggiando nel suo thriller finto sofisticato la città come attrice non protagonista.

O meglio, ha il ruolo da comprimario di luogo in cui si fagocitano le anime delle persone vuote come i burattini che animano la scena, per produrre un film e rimanere nel gotha del cinema e quindi avere una casa-magione sui Canyons che dominano L.A. tutto è concesso, ogni cosa sacrificata nell’altare del sesso come menzogna e nel doppia gioco come regola di vita.

Possiamo definirlo scarsamente originale, indipendente come solo alcuni cineasti americani sanno fare, ma Schrader conosce il suo mestiere e, senza voler osare troppo, plana con il suo aereo carico di metafore spicciole sull’universo che per anni lo ha nutrito, coccolato e protetto con una sola intenzione. Scardinare le convenzioni e ripulirsi la coscienza: missione compiuta.

About Simone Bracci 274 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website