Visioni FuoriRaccordo Film Festival: dal 3 al 6 ottobre

LA 6° EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL DOCUMENTARIO DEDICATO ALLE PERIFERIE DEL PAESE, CON COSTANZA QUATRIGLIO E DANIELE VICARI

locandinaVFR2013Arriva al Nuovo Cinema Aquila di Roma la 6° edizione di una delle più interessanti rassegne della capitale, Visioni Fuoriraccordo Film Festival, che da anni si propone di ricercare, valorizzare e promuovere opere documentaristiche capaci di favorire una riflessione sulle periferie del Paese, sulle sue aree marginali e sulle sue realtà “invisibili”.

L’evento cinematografico è in programma dal 3 al 6 ottobre e da oggi è possibile conoscerne il ricco programma.

Anche in questa edizione – segnala il Direttore del Festival, Luca Ricciardi, – sono state numerosissime le opere presentate al concorso, a conferma – nell’anno in cui il Leone d’Oro è attribuito proprio ad un documentario girato sul Raccordo Anulare di Roma – che sono sempre di più i registi e gli autori che scelgono il cinema del reale per raccontare il mondo che ci circonda. Si tratta di lavori che narrano con urgenza la crisi economica, sociale ed esistenziale che attraversa le realtà marginali e periferiche del Paese, ma che al contempo cercano strade nuove, percorsi possibili, risposte, non solo in ciò che narrano, ma anche nelle formule produttive e distributive che inventano per potersi esprimere”.

I documentari selezionati per il concorso ufficiale sono 13 (di cui un inedito e alcune anteprime romane), tutti di elevate qualità stilistiche ed espressive che insieme danno una prospettiva unica e particolareggiata di molti degli aspetti che caratterizzano le periferie del nostro Paese, soprattutto in questo momento storico.

Ciò che colpisce della selezione – dichiara Giacomo Ravesi, Coordinatore Artistico del Festival – è l’assoluta varietà tematica e stilistica delle opere che risponde della complessa eterogeneità della società contemporanea: dalla lotta sociale all’integrazione culturale, dai ritratti d’emarginazione alle storie di donne, dalle recinzioni fisiche a quelle morali e sessuali. In questo contesto le periferie e le aree marginali del nostro paese rappresentano ancora delle avanguardie: testimoni di un passato lontano e fautori di un futuro ormai prossimo

A confermare la qualità di Visioni Fuoriraccordo, c’è poi la giuria, composta dalla regista e produttrice Antonietta De Lillo, dal giornalista e autore della trasmissione RAI Doc3 Lorenzo Hendel, e dalla giornalista de Il Manifesto Cristina Piccino; insieme loro assegneranno un premio alla Migliore Opera e due menzioni speciali: Memoria e Migranti. Tale Giuria sarà poi protagonista di un’iniziativa interessantissima, che caratterizza la kermesse romana, riguardante il loro lavoro, reso pubblico, in modo non solo di dare trasparenza al rispettivo lavoro, ma anche e soprattutto di favorire una concezione dei festival come luoghi di riflessione, di scambio e confronto culturale. A tal proposito i giudizi dei giurati su ogni film in concorso e la riunione della Giuria, durante la quale verranno designati i vincitori, saranno ripresi e trasmessi online sul sito internet del Festival.

Veniamo ai film in programma, i nomi sono importanti nel mondo del documentario, scoviamo, infatti, Marco Santarelli con Milleunanotte, Giovanni Piperno e Agostino Ferrente con Le cose belle, e ancora Luca Ferrari con Pezzi, Stefano Petti e Alberto Testone con Fatti Corsari, Matteo Parisini con Lisola, Maura Delpero con Nadea e Sveta, Piergiorgio Curzi con SMS – Save My Soul. Per completare l’elenco, Giovanni Aloi con Pan Play Decadence, Dario Albertini con Slot – Le intermittenti luci di Franco, Silvia Luzi e Luca Bellino con Dell’arte della Guerra, Vincenzo Mineo con Zavorra e infine, Jacopo Tomassini e Elisa Amoruso con Sorella Greta e famiglia.

Il Festival però non è solo concorso, propone, infatti, alcuni interessanti incontri come quello di giovedi 3 ottobre, ore 18, in cui verrà proiettato Sotto l’argine a cura degli allievi della Scuola Provinciale di Cinema Gian Maria Volonté, da un laboratorio di Daniele Gaglianone. Intervengono: il regista e direttore artistico della Scuola, Daniele Vicari, l’On. Giulio Marcon e per la Provincia di Roma Andrea Anemone.

Un altro evento speciale da ricordare è quello di venerdì 4 ottobre, ore 22:30 in cui sarà proiettato il mediometraggio di successo di Costanza Quatriglio, Con il fiato sospeso. La regista sarà presente in sala, insieme alla giornalista Laura Delli Colli.

Non perdetevi questo evento, di cui Film4Life è anche Media Partner.

Visioni Fuoriraccordo Film Festival è organizzato e prodotto dall’Associazione LABnovecento.

 

About Valentina Calabrese 326 Articoli
Critica e ufficio stampa free lance si autodefinisce "agonista del cinema".
Contact: Facebook