Annunciato il programma del Trieste Film Festival

IL FESTIVAL AL VIA DAL 20 AL 29 GENNAIO, PRESENTATE INTANTO LE NOMINATION DEI BAFTA

on-the-milky-roadMancano ancora dieci giorni e la 28a edizione del Trieste Film Festival prenderà ufficialmente il via. Per l’occasione, allora, proprio oggi è stato presentato il suo intero programma.  Come avevamo già detto nel precedente articolo The Teacher aprirà le danze, mentre la chiusura sarà invece affidata all’ultimo film di Emir KusturicaOn the Milky Road, questo il titolo, vede al centro una storia d’amore “bigger than life”, sullo sfondo di una non meglio precisata guerra civile (che non può non far pensare, però, al conflitto jugoslavo), interpretata dallo stesso Kusturica e da Monica Bellucci, nei panni di una misteriosa donna italia. Un film che conferma il talento visivo dell’autore di Underground, un cineasta che come pochi altri ha saputo creare negli ultimi trent’anni un immaginario inconfondibile.

Nucleo centrale del programma si confermano i tre concorsi internazionali dedicati a lungometraggi, cortometraggi e documentari: a decretare i vincitori, ancora una volta, sarà il pubblico del festival. Dieci i film, tutti in anteprima italiana, che compongono il Concorso internazionale lungometraggi, mentre altri cinque, oltre i citati The Teacher e On the Milky Road, sono quelli fuori concorso selezionati come Eventi Speciali di questa edizione, tra cui un omaggio postumo all’autore Andrzej Wajda. Il Concorso internazionale Documentari propone undici titoli, anch’essi tutti in anteprima italiana, mentre sono 18 i cortometraggi in concorso per il Premio TsFF Corti, tra cui Fox di Jacqueline Lentzou, premiato dalla giuria dei Giovani all’ultimo Festival di Locarno. Ad arricchire ulteriormente l’offerta, tantissime sezioni e premi speciali, da quella dedicata al Nuovo cinema rumeno fino al Premio Corso Salani che presenta quattro film italiani completati nel corso del 2016 e ancora in attesa di distribuzione. Tantissimi, quindi, i paesi che si vedranno rappresentati all’interessantissimo festival, dall’Austria al Canada, dalla Danimarca alla Lituania fino all’Ungheria.   

Per un festival che arriva, un altro che solo da oggi avvia la formazione del suo programma. L’Ischia Film Festival, giunto alla sua quindicesima edizione, ha ora un un nuovo direttore artistico, il critico cinematografico e scrittore Boris Sollazzo, già nel team delle Giornate degli Autori di Venezia e da anni consulente in molti importanti festival. La rassegna, che ha ormai un suo ruolo nella scene delle manifestazioni cinematografiche internazionali, intende così affrontare un ulteriore salto di qualità grazie alla professionalità di chi lavora ad alti livelli nel settore da 20 anni. Comunicate le date ufficiali, dal 24 Giugno al 1 Luglio 2017, sono state ufficialmente aperte le iscrizioni al Concorso internazionale dedicato alla location cinematografiche e all’identità culturale dei territori scelti per le riprese. Al festival possono infatti partecipare lungometraggi, documentari e cortometraggi che abbiano valorizzato il territorio attraverso la scelta delle location, promuovendone così la realtà storica sociale ed umana, le tradizioni e la cultura. La deadline per inviare le opere è fissata al 15 Marzo 2017, ma una latest deadline è prevista fino al 31 Marzo 2017. L’iscrizione può essere effettuata attraverso FilmFreeway, il noto portale per filmmaker.

Mentre un nuovo anno di cinema sta lentamente vedendo il proprio inizio, è anche tempo di esaminare quello appena passato. A due giorni dalla cerimonia dei celebri Golden Globes americani, arrivano le nomination dei BAFTA (sigla che sta per British Academy of Film and Television Arts) inglesi, giunti alla loro 70esima edizione. Dopo essersi portato a casa ben sette “globes”, segnando tra l’altro un record nella storia della manifestazione, La La Land  domina anche in Gran Bretagna con 11 nomination, tra cui Miglior Film, Miglior Regista e, ovviamente, anche quelle ai suoi due attori principali Ryan Gosling ed Emma Stone, premiata già a Venezia con la Coppa Volpi. Il Festival di Venezia, d’altronde, sembra essere protagonista di questi premi, visto che gli altri due titoli che hanno raccolto più nomination (9), ossia Arrival e Animali Notturni, hanno segnato il proprio debutto al Lido: nominati, anche qui, i due registi, Villeneuve e Ford, e gli attori, rispettivamente Amy Adams e Jake Gyllenhal (e il già premiato ai Globes, Aaron Taylor-Johnson). Tradizionalmente, infatti, i BAFTA guardano molto alla produzione statunitense, oltre che in casa (nominato, per il Miglior Film Inglese, Animali Fantastici), in cui domina il redivivo Ken Loach e il suo Io, Daniel Blake, Palma d’Oro a Cannes; rispetto ai Globes, però, più di una volta sono stati anticipatori (insieme ai premi di “categoria”, come i SAG Awards) degli Oscar, i quali quest’anno ancora devono chiudere le proprie votazioni.

About Gianvito Di Muro 184 Articoli
"Tutti i bambini crescono, tranne uno".