High-Rise, film con Tom Hiddleston

TOM HIDDLESTON SPIETATO IN HIGH-RISE, UN SURREALE THRILLER DI SOPRAVVIVENZA

high-rise-posterTratto dal romanzo di J. G. Ballard, High-Rise è ambientato nella Londra del 1975 dove Robert Laing (Tom Hiddleston) è un dottore affascinato dallo stile di vita che si svolge all’interno di un facoltoso grattacielo dove vi vivono diversi tipi di persone. La gente che vi abita lascia questo paradisiaco grattacielo muovendosi come autoctoni solo per andare al lavoro. Man mano che si addentra tra i corridori e le case dei suoi coinquilini, Robert scopre l’elegante e moderna tecnologia che regola il condominio, realizzando effettivamente che i residenti sopravvivono solo grazie a sofisticatissime macchine. Nel frattempo il giovane dottore intrattiene una relazione segreta con Charlotte (Sienna Miller), casalinga annoiata e sfrontata. Quando quella tecnologia che tanto amano ma di cui sanno poco inizierà a venir meno, i coinquilini del condominio si divideranno in fazioni, dando il via a una serie di violenti scontri, dove voleranno omicidi e sangue a volontà.

Come nel libro di Ballard, in High-Rise si evidenziano le conflittualità sociali, economiche e culturale all’interno di una piccola società dove vige la regola del lusso e del non-sense. Fresco di Golden Globe per The Night Manager, Tom Hiddleston dimostra ancora una volta la sua facciata da attore versatile in grado di far ridere, entusiasmare, ballare come un sadico e uccidere in maniera inquietante. Nel cast anche la conturbante Sienna Miller, un enigmatico Jeremy Irons, il cattivissimo Luke Evans e l’eterea Elisabeth Moss di Mad Men.

High-Rise evidenzia gli sfarzi di una società semi-moderna che vede cadere in disgrazia, sgretolandosi in tanti gruppi sociali: la prima frattura riguarda i diversi stili di vita, con genitori contro single, poi la classe sociale di appartenenza. Nel suo surrealismo, High-Rise sapientemente ed elegantemente mette in scena una lotta di classe che primeggia fin dall’alba dei tempi, e la pellicola diretta da Ben Wheatley diventa una drammatica storia di sopravvivenza al fine di trovare le risorse fondamentali come il cibo e la sicurezza. Ad aggravare la situazione c’è il fatto che i residenti del grattacielo invece di fuggire verso la salvezza, preferiscono cercare rifugio all’interno della degradante struttura.

About Verdiana Paolucci 501 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.