Metropolitan Legends, una web series di Pietro Cinieri

QUATTRO RACCONTI PER QUATTRO LEGGENDE METROPOLITANE LEGATE TRA LORO

12622545_486797148174960_8341123069282219970_oScritto e diretto da Pietro Cinieri, regista del pluripremiato fan film “The Crow- shreds of memories”, Metropolitan Legends è una web series formata da quattro episodi: quattro sono i racconti ispirati alle leggende metropolitane, storie insolite e a tema horror che si tramandano oralmente e che sono al limite tra la realtà e l’immaginazione, tutte legate tra loro da una cornice narrativa. Alcuni ragazzi, radunati intorno al fuoco, si raccontano storie dell’orrore con lo scopo di spaventarsi a vicenda. Atmosfere dark, ritmo calzante, la web series offre spunti interessanti sulle leggende metropolitane, già ampiamente affrontate nel cinema internazionale. Cinieri, che si è occupato della fotografia e del montaggio, riesce a suscitare nello spettatore un senso di inquietudine non indifferente. Ecco i quattro racconti.

Il primo episodio di Metropolitan Legends è intitolato “Uncino” e fa riferimento all’orrenda storia del maniaco con l’uncino che aggredisce una coppia appartata in un boschetto; un racconto famosissimo negli Stati Uniti, un po’ meno in Italia. Il secondo episodio, parla da sé: “Bloody Mary” narra la celebre storia originaria dal folklore occidentale, il cui spirito, se evocato, può rivelare il futuro all’incauta vittima, oppure causare la sua morte. L’episodio, ovviamente, lascia allo spettatore il compito di giudicare l’esito della vicenda. Il terzo intitolato “Traffico di organi” è quello più raccapricciante, perché in bilico tra realtà e fantasia. La leggenda metropolitana nata intorno al traffico di organi – in particolare a quello del rene – è affascinante quanto inquietante perché incrocia il suo destino con la cronaca nera. Lo sfortunato protagonista del racconto (Marco Marra) non ha idea di cosa gli aspetta tornando a casa con una ragazza apparentemente tranquilla.

La web series si conclude con la leggenda metropolitana forse più famosa del mondo, quella dell”Autostoppista”. La storia la conosciamo tutti: in una notte buia, un uomo dà un passaggio a una giovane dai capelli biondi e col volto angelico. Troppo bella per essere vera? E infatti, l’aitante autostoppista sparisce senza lasciare (quasi) nessuna traccia, come se fosse un fantasma.

Metropolitan Legends, presentato in anteprima nazionale al Cartoomics di Milano, è stato apprezzato da diversi fan del fumetto di James O’Barr. Nel cast, tutti giovanissimi: Mirko D’Antona, Francesco Buccarella, Dalila Grandioso, Federica Leo, Chiara Lezzi, Mangialardo Clarissa, Vacca Maria, Mauro Martina, Giulia Spedicato, Marco Marra, Marco Gaeta, Simona De Vita, Francesca Zuccalà, Karola Nestola e Letizia Cartolaro. Attori promettenti per una web series da brivido che regala notti insonni.

About Verdiana Paolucci 501 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.