A Tel Aviv la quarta edizione di Cinema Italia

VELOCE COME IL VENTO HA APERTO LA QUARTA EDIZIONE DI CINEMA ITALIA

cinema italia 2017Si è aperta nella Cinemateque di Tel Aviv la quarta edizione di Cinema Italia, la rassegna cinematografica dedicata al cinema italiano, che si è tenuta dal 3 al 9 aprile. Le proiezioni si sono svolte anche in altre città israeliane, quali Gerusalemme, Haifa, Holon, Rosh Pina e Sderot. Diretta da Ronny Fellus e Dany Muggia, il Festival è stato organizzato dalla collaborazione tra l’Istituto italiano di cultura di Tel Aviv, quello di Haifa, la società Adamas, l’Istituto Luce Cinecittà, il Comune di Tel Aviv, quello di Haifa e le Cinemateque di Israele con il patronato dell’Ambasciata italiana, guidata da Francesco Maria Talò.

Il festival Cinema Italia è composto da due parti, una dedicata al cinema contemporaneo con film usciti nel 2016, una seconda invece una retrospettiva del cinema classico italiano con 5 opere restaurate di Roberto Rossellini e Kaos dei fratelli Taviani per ricordare il 150/o anniversario della nascita del premio Nobel Luigi Pirandello. La rassegna è iniziata con la proiezione di Veloce Come il Vento, film con Stefano Accorsi, ma molte sono state le pellicole proposte: dall’acclamato Fuocoammare di Gianfranco Rosi, candidato al premio Oscar 2017 per Miglior Documentario, a Fai bei sogni di Marco Bellocchio, e da Pericle Nero con Riccardo Scamarcio, diretto da Stefano Mordini (presente al festival) a Le ultime cose di Irene Dionisio (presente anche lei).

E ancora: Fiore di Claudio Giovannesi, Indivisibili di Edoardo De Angelis, e il successo Quo Vado di Gennaro Nunziante. Per il cinema di retrospettiva, Rossellini con Roma Città aperta, Germania Anno Zero, e Stromboli, terra di Dio. Cinema Italia non è solo una rassegna cinematografica, ma è anche un’occasione di incontro tra registi, agenti e produttori italiani e distributori israeliani al fine di stringere nuove collaborazioni.

Grande entusiasmo da parte di Massimo Sarti, direttore dell’Istituto italiano di cultura a Tel Aviv, che ha così dichiarato in una nota: “La selezione dei film di quest’anno illustra l’inesauribile senso di autoironia dell’Italia anche quando si occupa delle conseguenze sociali ed umane di una crisi economica ancora non finita”.

About Verdiana Paolucci 468 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.