Recherche, un film di Andrea Belcastro

UN VIAGGIO INTERIORE ALLA RICERCA DI NOI STESSI, QUESTO È RECHERCHE

Recherche-poster-10“È stato un attimo, ma ho visto chiaramente, per un secondo, un cielo stellato dietro quella porta. E ho capito di essere in un sogno lucido.” Prodotto da Paola D’Orsogna per Tecnagon Produzioni e sostenuto da una campagna di crowdfunding, Recherche è un film scritto e diretto da Andrea Belcastro, che vede il coinvolgimento di un gruppo di maestranze e professionalità operanti su campo nazionale e internazionale tra cui la Open Fields Productions di Fabrizio Nucci e Nicola Rovito, il compositore Eugenio Vicedomini e il sound designer Luigi Porto.

Si tratta di un racconto onirico, attraverso una narrazione poco lineare e astratta, con un ritmo interno vicino alle suite musicali progressive. Andrea Belcastro propone un viaggio alla ricerca di un significato dell’esistenza tramite brandelli di memorie passate e future, non importa se in un tempo interiore o esteriore. Il senso di Recherche tocca vette alte dell’animo umano. Noi, come i protagonisti del film, non siamo nessuno senza i nostri ricordi. Seppur sbiaditi, alcuni di essi si manifestano sotto forma di memorie e cicatrici, che possono far male oppure no. Recherche esplora una tematica non facile: si parla di esistenza, ma anche di vita dopo la morte – perché niente termina con essa – e della paura dell’ignoto. L’uomo è alla continua ricerca di qualcosa, ma allo stesso tempo cerca di proteggersi dalle avversità che l’esistenza gli pone davanti. L’opera di Belcastro è quindi principalmente un film sulla paura dell’uomo, sul timore di scoprire che il male esiste davvero e che quel male possiamo essere noi. La paura di essere soli e di non riuscire a comunicare con gli altri.

Per questa sua riflessione poetica e onirica, Andrea Belcastro sceglie di non utilizzare dialoghi. Lo spettatore viene coinvolta nella storia tramite la voce di uno dei protagonisti che racconta il suo incubo a qualcuno di cui non vediamo il volto e che non risponderà mai – forse un essere extrasensoriale. Il ragazzo che ci invita a spogliarci e a seguirlo alle origini della vita spera che il suo messaggio giunga a destinazione, ma non può sentire la nostra risposta.

Quale sarà il senso della vita? Forse non lo sapremo mai, e in ogni caso spetterà a Dio l’ultima parola. “Recherche è la ricerca della speranza di togliere quel tappo che ci blocca dentro.”

About Verdiana Paolucci 501 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.