The Prestige di Christopher Nolan

TRA MAGIA E SPETTACOLO, FINZIONE E REALTA’, CHRISTOPHER NOLAN METTE IN SCENA L’ILLUSIONE DELLA VITA STESSA

the prestige locandinaNella Londra di fine Ottocento, due giovani maghi apprendisti, Robert Angier (Hugh Jackman) e Alfred Borden (Christian Bale), si sfidano in una lotta all’ultima magia per provare di essere il miglior illusionista. Entrambi sono stati istruiti e seguiti da Cutter (Michael Caine), un ingegnere illusionista ed ex mago. Durante un numero di magia apparentemente perfetto, l’assistente muore tragicamente e Angier incolperà l’amico Borden dell’accaduto, tentando di vendicarsi. Inizia così un crudele gioco tra i due uomini su chi sia il migliore, sabotando costantemente i numeri dell’altro, e la rivalità si trasformerà pian piano in ossessione.

La magia è illusione, e la realtà è illusione: con The Prestige, Christopher Nolan, sempre abile a confezionare un film strutturato su diversi piani narrativi e psicologici, entra nella mente di due personaggi agli antipodi, che si sfidano non solo sul set, ma anche fuori – la gara di bravura tra Bale e Jackman è immensa e tiene con il fiato sospeso fino alla fine. Angier è fascinoso e carismatico, Borden più spinoso e e perfezionista: entrambi alla ricerca del numero perfetto da mettere in scena, finiscono per dar voce a una vera e propria ossessione. The Prestige si impone come una pellicola in grado di toccare il dramma, la fantascienza – con David Bowie nei panni di Nikola Tesla – e il thriller psicologico che risucchia lo spettatore in un vortice pericoloso e vertiginoso.

Le atmosfere scure aiutano Christopher Nolan a creare un terreno perfetto dove poter indagare nella mente dei due illusionisti. A completare il tutto, una scenografia impeccabile, sospesa tra realtà e finzione che non lascia spazio a cali di tensione. Il cast comprimario non è da meno: Michael Caine, con cui Nolan adora lavorare, dà voce alla coscienza dei suoi due allievi; Scarlett Johansson è la dolce e ingenua assistente il cui cuore è diviso tra Borden e Angier. L’impianto narrativo viene costruito a dovere, partendo dalla fine della vicenda e andando a ritroso: solo in questo modo Christopher Nolan lascia allo spettatore il compito di riordinare i tasselli, cercando di mettersi nei panni dei personaggi, fino ad arrivare al grandioso colpo di scena, come accade nei migliori spettacoli di magia.

About Verdiana Paolucci 501 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.