Dove eravamo rimasti: la settimana di The CW e Mr. Robot

DEBUTTANO LE NUOVE STAGIONI DI FLASH, ARROW E DELL’HACKER ELLIOT

arrow-e-flashOttobre è arrivato è, insieme ad esso, il palinsesto statunitense è pronto a tornare ricco e denso, dopo la magra della stagione estiva. Punta di diamante dei “ritorni” che si consumano questa settimana è senza dubbio la “best tv series/drama” dei Golden Globes 2016, giunta alla sua terza stagione: Mr. Robot di Sam Esmail, in onda su USA Network. Dopo il trailer estivo, caratterizzato dalle note ben poco equivoche del brano “Democracy” di Leonard Cohen, il canale ha messo online i primi 7 minuti (visibili però solo dagli spettatori americani) della première, mentre quest’ultima è fissata per il 12 ottobre. Alla fine della seconda stagione, Elliot si era convinto che Tyrell fosse frutto della sua immaginazione, e aveva tentato di cancellare il malware della fase 2, ma lo stesso Tyrell, rivelatosi decisamente reale, gli spara per fermarlo. Grande curiosità, allora, di scoprire quali saranno le sorti del protagonista e soprattutto quali gli effetti della fantomatica fase 2, oltre a chi sarà il nuovo personaggio interpretato da Bobby Cannavale.

Ma è anche la settimana dei ritorni delle serie “supereroistiche” di targa The CW e DC Comics. La prima a partire è stata The Flash (che condividerà la prima serata con la serie “sorella” DC’s Legends of Tomorrow), che ha fatto il proprio debutto il 10 ottobre. Le anticipazioni hanno già annunciato un nuovo costume e un potenziamento di poteri per il protagonista, interpretato da Grant Gustin. Al termine della scorsa stagione Barry Allen si era gettato nella Speed Force per rimediare agli errori del passato e per lui sembrava non esserci alcuna possibilità di ritorno. La nuova stagione allora, la quarta, comincerà proprio col ritorno di Barry, diventato ancora più forte di prima. Di fronte a lui, tuttavia, si presenterà un nuovo nemico, un samurai, che, dopo aver sconfitto i suoi amici, Wally e Cisco, e aver rapito Iris, vuole vedersela direttamente con lui.

Giovedì 12 ottobre sarà invece la volta di Arrow, giunto invece al suo sesto capitolo. Stephen Amell, interprete del protagonista Oliver Queen, ha svelato anche per il suo personaggio un rinnovo di costume e di arsenale, annunciano una misteriosa “nuova arma”. A caratterizzare la nuova stagione, poi, è il fatto che si tratti della prima a non dover raccontare i “cinque anni” precedenti alla storia del presente, terminati con la scorsa.  Pare allora che l’attenzione ricadrà su altri personaggi, come Slade Wilson, del quale saranno raccontate le origini. Tra gli antagonisti, annunciati i ritorni di villain come Laurel Lance/Black Siren e Anatoly, ma il principale sarà Richard Dragon, interpretato da Kirk Acevedo (Fringe), ex-carcerato indurito dalla prigione, rilasciato dopo essere stato messo in gattabuia per crimini che non ha commesso, deciso a conquistare la malavita di Star City.

Sul canale BBC America, il 14 ottobre, debutterà intanto la seconda stagione di Dirk Gently’s Holistic Detective Agency, tratta dai romanzi di Douglas Adams, creata da Max Landis e dallo showrunner Robert Cooper. In questo secondo capitolo gli oscuri pericoli che si nascondono in un regno fantastico troveranno un passaggio verso la Terra, diventando una minaccia nella realtà, e toccherà al protagonista intepretato da Samuel Barnett e al fidato amico Todd/Elijah Wood fermarli. Venerdì 13 ottobre, invece, verrà messa interamente online da Amazon Prime Video la serie Lore, in questo caso al suo esordio assoluto. Serie horror e antologica, tratta da un famoso e omonimo podcast negli USA, capace di raggiungere milioni di ascoltatori e di affermarsi come uno dei migliori sulla piazza. Da tanto successo è nasce l’idea di farne una serie TV, narrata “vocalmente” dallo stesso creatore del podcast Aaron Mahnke. Scritta da Glen Morgan, la struttura della serie TV riprende quella del podcast e di conseguenza ogni episodio racconterà una storia diversa e a se stante, nella quale vengono mescolate scene riprese con attori in carne e ossa, immagini d’archivio e sequenze animate per raccontare i legami fra la realtà e la sua trasfigurazione paurosa in leggende come quelle legate ai vampiri, ai licantropi, fino agli alieni. Gli abbonati italiani, intanto, potranno godersi la versione doppiata a partire dall’1 dicembre.

About Gianvito Di Muro 230 Articoli
"Tutti i bambini crescono, tranne uno".