La notte che verrà di Luca Martinelli

L’AMICIZIA TRA DUE PERSONAGGI: LAVORO E TANTI GUAI TUTTO IN UNA NOTTE

MANIFESTO-LNCVDue trentenni si trovano in strada, licenziati lo stesso giorno, uno dei due anche lasciato dalla moglie. Il loro incontro avviene per caso di notte e la loro vita, da quel momento, sarà capovolta: il giorno per dormire e la notte per vivere. Ma sarà proprio la notte, nella sua tenebrosa grandezza, a riservargli tanti guai, tante scoperte e una grande amicizia.  La notte che verrà, film indipendente realizzato con un budget low cost, è stato diretto da Luca Martinelli, che ha girato le scene sempre in notturna, tranne per due sequenze in particolare.

Con un cast artistico di personalità giovani ma con molte esperienze nel cinema indipendente, come Gabriele Vincis, Giulia Piana, protagonista femminile, già vista in “Una ragione per combattere” del regista lucchese Alessandro Baccini. Poi Carmelo Bacchetta, che è stato a lungo il volto degli spot del Kinder Cereali e nel ruolo del DJ della notte. Nel cast del film anche Irene Catena, Ermes Peluso, Samuele Innocenti, Massimo Barberi, Katy Bravo, Lorenza Lasagno, Alessandro Sgamma, Luca Falsaci, Lucrezia Boggero, Giuseppe Mastrolillo, Monica Ruffinengo, Wally Canteri. La notte che verrà è stato girato interamente presso Lago Maggiore, Verbania e Cannobio.

Luca Martinelli, a proposito del film, ha dichiarato: “Volevo raccontare quello che ci attrae della notte e anche quello che ci fa paura, però con la leggerezza di una commedia e la profondità di storie che hanno come denominatore comune l’amicizia”. Il regista 51enne, nato a Seravezza in Versilia, ha interamente scritto, ripreso e montato la pellicola. La notte è un film ironico, drammatico, ma anche comico, che verrà racconta un’amicizia che nasce e muore nella notte. Autore della colonna sonora è Dino Mancino, pianista degli show di Giorgio Panariello, cantante e compositore che ha scritto anche la canzone del film omonimo.

About Verdiana Paolucci 498 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.