The Void – Il vuoto: recensione

HORROR DAL SAPORE LOVECRAFTIANO CHE ATTINGE AI CULT DI FANTASCIENZA ANNI ’80

locandina the voidGENERE: horror

DURATA: 90′

USCITA IN SALA: 7 dicembre 2017

VOTO: 3 su 5

Danny Carter (Aaron Poole), poliziotto in servizio notturno, trova un ragazzo ferito che brancola lungo un sentiero di campagna e lo porta al pronto soccorso più vicino. Il medico, il dottor Powell (Kenneth Welsh), è perplesso: il ragazzo sembra sotto shock e dev’essere sedato per cercare di determinare che cos’ha. Al pronto soccorso lavora anche Allison (Kathleen Munroe), con cui Carter è stato sposato. La calma apparente dell’ospedale si trasforma improvvisamente in tragedia quando Beverly (Stephanie Belding), un’infermiera, improvvisamente uccide un altro paziente e aggredisce Carter, che è costretto perciò ad ammazzarla. Carter cerca di contattare la centrale invano, finché viene aggredito fuori dall’ospedale da uno strano tizio incappucciato e con una tunica bianca. Carter, ferito, riesce a rientrare nel pronto soccorso, ma ci sono parecchi altri incappucciati che circondano l’ospedale. È l’inizio di una minaccia terribile e sovrannaturale che costringerà i sopravvissuti a fuggire da un viaggio infernale nelle profondità dell’edificio per sfuggire a quell’incubo.

L’orrore cosmico di Lovecraft incontra la fantascienza anni ’80 per The Void – Il Vuoto, film realizzato dai produttori esecutivi di The Witch, horror capolavoro che aveva sbancato al Sundance qualche anno fa. Diretto da  Steven Kostanski e Jeremy Gillespie, The Void – Il Vuoto è una discesa negli inferi lenta ma letale. Il comparto musicale contribuisce a donare una certa tensione emotiva a un film che si svolge nella classica “camera chiusa”. Gli omaggi al cinema cult degli anni Ottanta ci sono un po’ ovunque, e le citazioni non sembrano neanche disseminate a caso: da La Cosa ad Alien, la mostruosa creatura che spaventa l’ospedale si evolve e genera entità sovrannaturali in un crescendo di ansia e terrore, proprio come avviene nei romanzi di H.P. Lovecraft.

Nonostante la buona scenografia e gli effetti sonori, la trama di The Void – Il Vuoto tuttavia risulta confusionaria fino agli ultimi minuti. I personaggi non sono ben delineati e non riescono ad emergere o a lasciare il segno. L’intenzione di The Void – Il Vuoto sembra quella di colpire il pubblico con l’impressionante comparto tecnico, ma così facendo la narrazione ne risente.

About Verdiana Paolucci 501 Articoli
Linguista, aspirante giornalista, amante del cinema, malata di serie tv, in particolare dei crime polizieschi.