Rudolf: un nuovo film d’animazione con tanti “gattini”

NON SOLO RUDOLF: ECCO I GATTINI ANIMATI DIVENTATI FAMOSI SUL GRANDE SCHERMO

Gattini. Gattini in ogni dove: alcuni sono diventati delle vere e proprie star dei social network, collezionando migliaia di click con le loro foto e video buffi. Sembra che cercare gattini su internet, dice una ricerca americana, faccia bene all’umore, diminuisca l’ansia e accresca la felicità e la carica. Allora perché non renderli protagonisti di un nuovo film d’animazione?

Rudolf locandinaSarà nelle sale italiane il prossimo marzo Rudolf – Alla ricerca della felicità, del regista giapponese Kunihiko Yuyama e di Motonori Sakakibara. La storia racconta di questo piccolo gatto d’appartamento che un giorno si allontana troppo dalla sua amata padrona fino a perdersi per le strade trafficate e affollate di Tokyo,a più di 400 km da casa. Qui incontra una compagnia di gatti randagi che gli insegnerà a avere maggior fiducia in sé stesso e ad essere coraggioso. Soprattutto, grazie alla sua tenacia e all’aiuto del gatto Tigre che sa leggere la scrittura degli umani, riesce a trovare una soluzione per tornare a casa.

Il film, in Giappone, ha avuto un gran successo, tanto da essere candidato come miglior film d’animazione al Japan Academy Award 2017 e da aver raggiunto il quinto post nel box office nazionale. Rudolf è un personaggio tratto da un libro per bambini dal titolo Rudolf to Ippaiattena.

Ma quante volte ci siamo innamorati di un gattino visto sul grande schermo in un film d’animazione? Eccone alcuni davvero indimenticabili:

1 – Al primo posto ci sono loro, gli Aristogatti capeggiati da Romeo: un gang sgangherata, in cui i mici aristocratici e quelli dei sobborghi parigini trovano un equilibrio e coabitano allegramente a ritmo di jazz (e sconfiggendo il cattivo).

2 – Segue Lucifero, il dispettosissimo gatto della matrigna di Cenerentola, antipatico quasi quanto i due siamesi canterini che abbiamo conosciuto in Lilli e il Vagabondo. A modo suo, però, Lucifero riesce anche a farci divertire rendendosi ridicolo nel tentativo di catturare i poveri topini.

3 – Lo abbiamo conosciuto in Shrek 2 e il pubblico lo ha amato così tanto che Il gatto con gli stivali si è meritato non solo un film, ma anche una serie tutti suoi. Indimenticabile tocco inconfondibile? Il doppiaggio di Antonio Banderas.

4 – Il suo sorriso è famoso quanto quello della Gioconda di Leonardo: è il Gatto del Cheshiremeglio noto come lo Stregatto di Alice nel Paese delle Meraviglie. Eccezionale in ogni versione del film, è uno dei tratti distintivi e identificativi dell’opera tratta dal romanzo di Lewis Carroll.

5 – La ghiottona micia di Pets – Vita da animali è uno dei personaggi del film che insieme al bassotto ci ha colpito di più: di razza soriana, pigra e ingorda, all’inizio rimane in disparte, quasi disinteressata, ma poi partecipa alla ricerca dei suoi amici insieme al bizzarro gruppo di animali del quartiere.

6 – Da fumetto ad attore in un live action: cosa sarebbe Garfield senza le sue lasagne?

E per chiudere in bellezza, per la felicità di gattari e gattare, ecco alcuni gatti in carne ed ossa che non dimenticheremo mai:

About Eleonora Materazzo 540 Articoli
"Suonala ancora, Sam"