L’Amica Geniale: online le prime foto

IN CORSO LE RIPRESE DELLA SERIE TRATTA DAI ROMANZI DI ELENA FERRANTE, PRODOTTA DA RAI, HBO E TIM VISION

Amica Geniale 2 Sono ancora in corso a Caserta le riprese della serie L’Amica Geniale, tratta dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante (a sua volta primo episodio di una quadrilogia) ed ecco arrivare le prime immagini delle due protagoniste Lila ed Elena, sia in età infantile sia in quella più adulta. Le due foto rappresentano quindi il risultato della lunga sessione di casting, durata ben otto mesi, durante i quali sono stati provinati quasi 9000 bambini e 500 adulti da tutta la Campania, tra attori professionisti e non professionisti, con giovanissimi reclutati nelle scuole di tutti i quartieri. La scelta alla fine è ricaduta su Elisa Del Genio e Ludovica Nasti, per la prima età, e su Margherita Mazzucco e Gaia Girace, per quella adolescenziale.

La serie racconta, fedelmente al romanzo originale, l’amicizia speciale tra Lila e Elena, appunto. Quando la prima donna scompare misteriosamente, l’altra si mette a ricostruire il loro rapporto, nato sui banchi delle elementari nel 1950 e sviluppatosi fra tumultuose vicende man mano che crescevano insieme. La prima stagione de L’Amica Geniale, diretta dal regista Saverio Costanzo e realizzata grazie allo storica collaborazione tra HBO, Rai e Tim Vision (con la produzione di Wildside e Fandango), sarà formata da otto episodi. Malgrado non ci sia ancora una data di debutto ufficiale, sono già state programmate quattro stagioni, ossia tante quanti sono i romanzi che formano la quadrilogia letteraria. Le riprese, come detto, devono ancora concludersi, mentre sta facendo clamore l’imponente lavoro di ricostruzione del set di Caserta. La troupe tecnica della produzione, composta da 150 persone, ha creato 20 mila metri quadrati di set costruiti in oltre 100 giorni di lavorazione. In questi mesi sono state realizzate 14 palazzine, 5 set di interni, una chiesa e un tunnel. I costumi invece sono circa 1500, tra realizzazioni originali e di repertorio.

A proposito di casting, altrettante interessanti produzioni statunitensi stanno completando il proprio comparto protagonisti. Tra le più importanti c’è sicuramente quello di Homecoming, drama di due stagioni ordinato da Amazon Prime Video, scritto da Eli Horowitz e Micah Bloomberg (autori del podcast da cui la serie è tratta), prodotto e diretto da Sam Esmail, il creatore di Mr. Robot. Il ruolo della protagonista sarà infatti impersonato da Julia Roberts, la quale interpreterà un’assistente sociale che lavora in una struttura segreta del governo (la Homecoming Transitional Support Center, appunto) occupandosi di soldati in difficoltà nel riabbracciare una vita da civili. Affiancheranno la celebre attrice hollywoodiana Jeremy Allen White (Shameless), Hong Chau, Shea Whigham, Bobby Cannavale e Sidney Poitier. Ha invece trovato il suo Harvey Kinkle il remake firmato Netflix di Sabrina – Vita da strega, ovvero Ross Lynch, che assumerà quindi i panni dello storico fidanzato di Sabrine, la quale sarà interpretata, come si sa già da tempo, dall’attrice Kiernan Shipka (Mad Men). La versione di Netflix è per ora descritta come una rivisitazione al limite dell'”horror” della famosa serie anni ’90, basata sul fumetto originale The Chilling Adventure of Sabrine di Archie Comics e prodotta da Roberto Aguirre-Sacasa con Berlanti Productions e la Warner Bros.

Rimanendo sul tema casting, ma spostandoci nuovamente in Italia, vanno sicuramente menzionati quelli di Pupi Avati per la sua serie targata Sky dal titolo Floating Coffins, anche solo per registrare l’impegno del celebre regista all’interno del panorama seriale italiano, che cresce ogni giorno di più attirando a sé sempre più esponenti del nostro cinema. La serie, che sguazzerà tra i generi del thriller e dell’horror, sarà girata nelle province di Ferrara e Parma, ed è lì che Avati sta cercando comparse e figuranti tra i 40 e gli 80 anni. Intanto, il 9 aprile partiranno le riprese della serie italiana attualmente più popolare e seguita, in Italia e nel mondo, ossia Gomorra, arrivata alla sua quarta stagione. Il prossimo capitolo, stando alle indiscrezioni, subirà un parziale cambiamento di location, visto che in gran segreto la produzione si sarebbe mossa per alcuni sopralluoghi in Sicilia, più precisamente a Messina e Taormina, dove potrebbe essersi rifugiato un Salvatore Conte miracolosamente sopravvissuto all’agguato in chiesa della seconda stagione. I rumors avranno ragione?

Ritorniamo, infine, in campo Netflix per annunciare l’arrivo, stavolta imminente e concreto, di un altro atteso remake della piattaforma streaming, ovvero quello di Lost In Space, celebre serie sci-fi degli anni ’60 già riportata al cinema nel 1998 dal film con William Hurt, Gary Oldman e Matt LeBlanc. La serie, la cui prima stagione sarà composta da 10 episodi, debutterà interamente online il 13 aprile, per raccontare nuovamente le avventure della famiglia Robinson, scelta per colonizzare lo spazio in un futuro distante trent’anni. Nel cast della nuova avventura figurano Toby Stephens (Black Sails) e Molly Parker (House of Cards), nel ruolo dei coniugi Robinson, impegnati a sopravvivere nello spazio ma anche a risolvere i loro problemi matrimoniali. I giovani Taylor Russell, Mina Sundwall e Max Jenkins saranno invece i tre piccoli Robinson, rispettivamente Judy, Penny e Will. L’antagonista della vicenda, il Dr. Smith, un uomo nella serie originale e nel film del ’98 (impersonato, in quest’ultimo caso, dal fresco premio Oscar Oldman), avrà invece il volto dell’attrice Parker Posey.

About Gianvito Di Muro 268 Articoli
"Tutti i bambini crescono, tranne uno".