Richie Rich – il più ricco del mondo di Donald Petrie

RICHIE RICH, Macaulay Culkin, 1994, © Warner Brothers/courtesy Everett Collection

RICHIE RICH DI DONALD PETRIE CON MACAULAY CULKIN È NATO DALL’OMONIMA SERIE A FUMETTI DEGLI ANNI ’50 E DALLA SERIE ANIMATA FIRMATA HANNA & BARBERA

RICHIE RICH, Jonathan Hyde, Macaulay Culkin, 1994“Padre non trovato, padre non trovato” quanto era odiosa quella voce che ripeteva senza sosta il fatto che Richie Rich, il bambino più ricco del mondo, si fosse ritrovato in un attimo senza genitori?
Nel 1994, Donald Petrie con il bambino del momento, Macaulay Culkin, portava sul grande schermo la paura più grande di tutti i bambini: perdere i genitori.

Richie Rich – il più ricco del mondo è basato sull’omonima serie a fumetti degli anni ’50, il progetto di Petrie mette in scena la vita quotidiana della famiglia di un multimiliardario, imprenditore e filantropo, con il pallino delle invenzione stravaganti. Molto prima che MTV ci mostrasse il lusso delle case dei ricchi americani con Teen Cribs, Petrie fa sognare tutti i bambini installando a casa di Richie Rich un McDonald’s personale.

Tra precettori impassibili e inventori visionari, Richie Rich però non è felice. Perchè non sono i soldi a fare la felicità, almeno non per un bambino. Tutto ciò che vorrebbe il ragazzo è avere degli amici con cui giocare a nascondino, usando i go-kart, e andare sulle sue montagne russe personali.
Ma essere ricchi porta sempre dei nemici e così il consigliere del padre decide di sabotare il viaggio in aereo dei genitori del ragazzo, in modo tale da prendere possesso della società del signor Rich e trovare il caveau nascosto della famiglia.
Tra nuove amicizie, piccole gite in carcere e un’operazione di attacco gestita da dodicenni, Richie Rich – il più ricco del mondo, racconta come ciò che deve essere conservato in un caveau sono i cimeli e ricordi di famiglia, perché gli oggetti con cui abbiamo un legame emotivo sono le cose più importanti e con un valore maggiore.

Non sarà un capolavoro di commedia, o il film più riuscito con protagonista il giovanissimo Macaulay Culkin; potrà avere una sola stellina su mymovies, potrà esser stato un flop al botteghino, ma il film di Donald Petrie è stato un successo per quanto riguarda il noleggio del VHS – già, VHS.
Perché intrattiene le famiglie, tutti insieme accoccolati sul divano, guardando una signora che sbatte sulla faccia dell’impeccabile precettore una bistecca da mezzo chilo e perché il “padre non trovato”, torna a casa sano e salvo insieme alla moglie.

About Angela Parolin 151 Articoli
"Okay...we have to dance it out"