Addio a Isao Takahata, co-fondatore dello Studio Ghibli

ISAO TAKAHATA CI LASCIA A 82 ANNI: REGISTA E CO-FONDATORE DELLO STUDIO GHIBLI, HA FIRMATO FILM D’ANIMAZIONE INDIMENTICABILI

Isao-Takahata (1)Isao Takahata, animatore, regista e direttore artistico è morto a Tokyo il 5 aprile scorso, ad 82 anni.

Non un tipo qualunque, ma niente di meno che il co-fondatore dello Studio Ghibli insieme ad Hayao Miyazaki. I due si erano conosciuti nel 1959 nello studio di animazione giapponese Toei Animation, dove Takahata entrò per aver vinto un concorso e dopo essersi laureato in letteratura francese.

Lui e Miyazaki, ormai non solo colleghi ma soprattutto amici, nel 1985 lasciarono tutto per fondare appunto lo Studio Ghibli. Nonostante la fama del notissimo studio di animazione sia associata soprattutto al Maestro autore di grandi titoli come Nausicaa della Valle del vento, La città incantata, Si alza il ventoTakahata ha diretto svariate pellicole, tra cui Una tomba per le lucciole La storia della Principessa splendente.

Proprio La storia della principessa splendente, del 2013, è stato il suo ultimo film da regista. Tratto da un’antica fiaba giapponese (Taketori monogatari, Il racconto di un tagliabambù), la cosa che più colpisce è lo stile adottato: in barba alla tecnologia e alla tendenza che predilige la computer grafica, qui è il tratto della matita e del carboncino a tracciare i contorni di personaggi e paesaggi, che prendono vita come fossero delle vere opere d’arte ad acquerelli. 

principessa-splendenteIl film, che è stato presentato al Festival di Cannes nel 2013 ed è valso a Takahata una nomination al premio Oscar per il Miglior film di animazione (l’anno in cui ha vinto Big Hero 6), racconta la storia di Kaguya, minuscola creatura arrivata dalla Luna e trovata in una canna di bambù da un vecchio tagliatore, che la accoglie e cresce come una figlia. Divenuta una bellissima donna, molti sono i suoi corteggiatori, ma nessuno di loro riesce a portarle quello che davvero desidera né a conquistarla, nemmeno l’Imperatore. E infine arriva il giorno in cui, purtroppo, dopo aver portato gioia e fortuna alla sua famiglia di adozione, deve tornare da dove è arrivata.

La storia della principessa splendente è un tenero ed emozionante film, carico di una vena poetica e di una sensibilità rare, che renderà per sempre indimenticabile Isao Takahata.

 

About Eleonora Materazzo 516 Articoli
"Suonala ancora, Sam"