Cannes 66: Shield of straw (wara no tate) – recensione film

DELUDE IL NUOVO FILM DEL PROLIFICO REGISTA GIAPPONESE TAKASHI MIIKE

Davanti ai soldi l’uomo è in grado di fare qualunque cosa. Banale. Ma è questa la (im)morale dell’ultimo film di Takashi Miike Shield of straw.

Una squadra speciale della polizia di Tokio ha il compito di scortare un giovane assassino che ha ucciso il nipote di un vecchio magnate.

È lo stesso ragazzo che, per nulla pentito, si consegna nelle mani delle forze dell’ordine in quanto la grossa taglia sulla sua testa, in un Giappone in piena crisi economica ha scatenato, per amor di denaro, una vera e propria caccia all’uomo. Scortarlo in prigione però è molto complicato poiché tutti, anche i poliziotti stessi, sono interessati alla lauta ricompensa.

Il film è una lunghissima fuga corredata di attentati e agguati dove aleggia silenziosa e retorica la domanda su se valga o meno la pena di perdere tante vite per un uomo che ha violentato e ucciso una bambina. La risposta, forte di una morale spiccia e di un banale senso del dovere, continua a essere data per due ore e passa di scene d’azione e spargimenti di sangue che non salvano dalla noia di un lungometraggio prolisso e mal riuscito.

Che in questo film Miike abbia fortemente strizzato l’occhio a Hollywood è palese e altrettanto lo è che il risultato del suo ammiccare al cinema americano è un flop.

La poetica dell’autore, che da sempre fa della violenza il suo marchio di fabbrica per raccontare la realtà scomoda, in questo film è assopita rendendo il lavoro un ibrido tra un film mainstream e qualcosa di buono dal potenziale non sfruttato.

Le scene d’action duro e puro non salvano una pellicola che perde troppo spesso il suo ritmo durante i suoi dialoghi ovvi e poco interessanti.

La speranza è che nella cinematografia di Miike Shield of Straw resti una parentesi, un inciso sbagliato, da dimenticare andando avanti col tempo. Purché l’errore non si ripeta.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook