Mistresses: first look della serie

UNA SERIE TV VAGAMENTE HOT PER RISCALDARE L’ESTATE AMERICANA

Ci si aspettava qualcosa di più da Mistresses. Remake di un’omonima produzione inglese di qualche anno, ha inaugurato la stagione estiva della ABCMistresses però non è partita con il più roseo degli auspici, debuttando con appena 4 milioni di telespettatori; la serie tv a conti fatti risulta essere comunque un discreto intrattenimento seriale. Punta di diamante sono le attrici: prima fra tutte la bellissima Alyssa Milano. Per il resto la bellezza di Mistresses finisce qui.

Ci troviamo quindi di fronte ad una serie senz’anima in puro stile ABC; lo show televisivo infatti non è altro che un soap/drama dalle venature hot, con un intreccio narrativo abbastanza intrigante ma in odore di già visto, con un cast di attrici seducenti ed abbastanza convincenti. La rete della Disney, dopo una stagione televisiva piuttosto deludente, almeno per quanto riguarda le novità, cerca di stupire il pubblico con il suo solito mix di amore e intrighi, ma peccando di superiorità non riesce a raggiungere l’effetto sperato. Perché? Sono due i motivi dell’insuccesso di Mistresses.

Prima di tutto è la trama a non convincere. Ci troviamo in una non identificata cittadina americana dove quattro amiche si destreggiano tra vita privata e vita lavorativa. Savi, interpretata da una bellissima Alyssa Milano, è un rampante avvocato che non riesce a mettere su famiglia con il suo sexy maritino; Karen è una psicologa che si troverà ad affrontare un difficile ed alquanto intricato problema etico, mentre April è una giovane vedova che con tutte le sue forze cerca di voltare pagina dopo la morte del marito.

Infine Josslyn, bellissima e seducente donna d’affari, oltre che una mangiatrice di uomini che intreccia relazioni con persone ricche e sposate. Una trama quindi che, pur intrattenendo piacevolmente, sembra essere una riproduzione in versione soap di Sex & The City. Impreziosita dai cliché del genere, il pilastro narrativo di Mistresses risulta essere prevedibile fin dal primo minuto e non basta un cast convincente a risollevare le sorti della situazione.

A rendere poi questa una serie del tutto evitabile non solo è l’assurdo paragone con Sex & The City, ma soprattutto è l’accostamento con la controparte britannica. Mentre la versione americanizzata di Mistresses risulta essere patinata, modaiola, trash e convenzionale, quella inglese aveva un incredibile fascino seducente. Sarà stata l’atmosfera di Bristol, quelle vicende al limite del perverso, ma le Amanti britanniche stravincono su quelle americane. La ABC ha solo cercato di riadattare il mito di Sex & The City con una vicenda sciatta, di poco impatto e che risulta essere prevedibile fin dal primo minuto.

Consigliamo quindi la visione di Mistresses solo agli estimatori di questo genere televisivo, perché onestamente ci si aspettava qualcosa di più da questa produzione televisiva.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook