Il nuovo cinema italiano è stufo marcio

A  VENEZIA 70 SI ALZA IL CORO CONVINTO: ORA TOCCA A NOI, FUORI DAI PIEDI

Giovani, un’accezione sempre più delicata quando ci riferisce al controverso mondo del cinema. Controverso perché non si fa che parlare, raccontare storie e porre gli stessi quesiti da un ventennio a questa parte, girandoci sempre attorno, senza mai arrivare al nocciolo della questione. Senza ghettizzare il termine giovane privandolo della categoria di talento, la domanda è come fare per sbarazzarsi una volta per tutto del potere che ruota attorno a questa professione, al duopolio del cinema e dei satelliti orbitanti, come si fa a neutralizzarlo per poi estirparlo alla radice, spargendo concime sui resti ormai atrofizzati?

Mai come quest’anno, mai si è sentita cosi forte l’esigenza di trovare una soluzione definitiva, incontrandosi per affrontare deliberatamente il discorso e rispondendo che l’unica via è quella di tirare fuori attributi e faccia di bronzo in verde età. A Venezia 70 giovani produttori e distributori hanno incontrato giovani giornalisti per dare vita, come suggerisce lo slogan della rivista Fabrique du Cinema, al nuovo cinema italiano e dedicarsi solamente a lui. Bistrattato, sbeffeggiato, avvizzito, talvolta applaudito, ma sempre nelle retrovie del pianeta. L’impianto da demolire per ripartire dal nuovo giorno zero sarebbe già pronto, schiere di tecnici e artisti sono a lavoro da tempo e noi di Film 4 Life con loro, in attesa di rimpiazzare l’obsoleto col nuovo che, in stato avanzato, è ormai giunto a destinazione.

Quale? La presa del potere. Investire risparmi e dare voce e qualità a realtà alternative, non solo emergenti o indipendenti, fare si che scorra linfa fresca nei palazzi che contano o costruirne di nuovi in cui cominciare la risalita. Questa è la risposta, anzi la soluzione, senza paura del rifiuto. A mio parere il momento è prolifico, bisogna imparare dal passato e imporre la propria volontà, la propria professionalità e il proprio lavoro, anche in circostanze talvolta poco favorevoli. Parola d’ordine subentrare, anche a costo di risultare invadenti, proporsi con continuità senza fermarsi qui. I risultati arriveranno prima di quanto ci si possa immaginare, non si tratta di una scommessa, ma di una semina di qualità sul terreno audiovisivo di casa nostra.

Venezia docet…

 

 

 

About Simone Bracci 277 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website