Homeland 3: first look

I PRIMI DUE EPISODI SONO ANDATI IN ONDA IERI SERA SU FOX

homeland season 3 first look

Come possiamo aspettarci che la CIA protegga questo Paese, se non riesce a proteggere neanche se stessa?“. E’ ricominciato ieri sera, la spy story americana più seguita degli ultimi tempi. Arrivata alla terza stagione, ormai la caccia alla spia si fa sempre più fitta e accattivante per il fatto che tutti sanno finalmente una parte di verità della storia. L’unica a sapere che Brody (Damian Lewis) non è stato l’artefice dell’attentato è Carrie (Claire Danes), che però è di nuovo in preda a crisi di schizofrenia. Per la volontà di essere lucida, smette di prendere le pillole peggiorando la situazione. Non riesce a darsi pace per quello che è successo a Langley, non riesce a capire come possa esserle sfuggita la situazione di mano. E se c’è una cosa che sa con certezza, è che ciò non deve più accadere.

I primi due episodi della nuova serie, sono incentrati sul ‘processo’ che i senatori del Congresso hanno messo in atto per chiarire i meccanismi di valutazione della CIA. La frase virgolettata che apre quest’articolo, è infatti pronunciata dal presidente della commissione, che sente che Carrie ha qualcosa da nascondere. In una situazione nella quale la CIA è messa sotto pressione dal Congresso e Brody non si trova, un capro espiatorio per prendere tempo è la necessità. E proprio lei Carrie, con i suoi problemi mentali e la relazione con Brody che finisce su tutti i giornali, sembra la vittima perfetta da sacrificare.

In un gioco di introspezione psicologica e inganni, la terza stagione di Homeland parte con una doppia sfida: trovare Brody e capire chi realmente sia stato a organizzare l’attentato. Saul (Mandy Patinkin) è la pedina di collegamento, colui che sa che Brody non può essere stato ma che d’altra parte non sa dove mettere le mani per ricominciare. Inizia così un doppiogiochismo che ancora non si sa bene dove porti, nè se davvero sia fatto per scoprire la verità o per salvare la faccia. L’elemento nuovamente riproposto della malattia di Carrie, sebbene già visto e utilizzato, dona del realismo alla storia e rimane una delle certezze dello spettatore che spera con tutte le forze che l’agente Mathison si riprenda presto.

Sempre più coinvolgente insomma questa nuova serie, che parte in quarta con una caccia alle streghe oltre che alla spia. Nei prossimi episodi infatti, saremo alle prese con la nuova rinascita di Carrie, con la spasmodica ricerca di Brody e delle menti dietro l’atto terroristico, con la confusione comportamentale di Saul e la ripresa di una vita normale della famiglia Brody. Tutta da seguire, Homeland 3 sarà una continua scoperta!

 

About Redazione Film4Life 5538 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook