American Hustle: recensione film

DAVID O. RUSSELL CI INTRODUCE NEL REGNO DI HOLLYWOOD, CINEMA CLASSICO E GRANDE STILE

american-hustle locandinaGENERE: dramedy

USCITA IN SALA: 13 dicembre 2013

DURATA: 129 minuti

VOTO: 4,5 su 5

Partiamo dal lato negativo, la sorrentiniana tendenza a non sforbiciare in sala di montaggio. Capitolo chiuso, ora parliamo del lato positivo di American Hustle, un film totale che omaggia il cinema classico di Hollywood, anzi ne è l’esempio lampante. Scritto, girato, recitato ed elaborato in maniera sublime, certo qualche macchia o imperfezione la si possono trovare nei 130 minuti di girato, ma il risultato è un’opera complessa e ingegnosa che appassiona e fa riflettere.

David O. Russell versione europea, sembra lavorare in quel posto magico dove l’autorialità spicca sul manierismo patinato, e invece sforna un film di caratura internazionale, un prodotto degno delle lettere a caratteri cubitali che spiccano sulla città degli angeli. I punti di forza sono l’intreccio narrativo mai banale o scontato, il pathos in continuo equilibrio tra commedia di classe e dramma alle porte e le interpretazioni che riesce a tirar fuori da un cast spettacolare.

Christian Bale ancora una volta capomastro e qui trasformista, Bradley Cooper sopra le righe in un ruolo demodè che richiedeva tale lignaggio, un duo formato dalle sensualissime Amy Adams e Jennifer Lawrence, oramai star affermate nel panorama degli Oscar. Una lezione di cinema in pompa magna, per chi di cinema vive e si nutre, chi non recepisce questo messaggio è meglio che cambi mestiere. La gente crede a quello che vuole credere, gli artisti si riconoscono dai dettagli e American Hustle ne è colmo.

Capovolgimenti di scena e situazioni intricate per questa storia di truffe e raggiri, in cui un onesto ma geniale malfattore viene coinvolto con la sua partner dal Bureau per incastrare pezzi grossi della politica troppo facili alla corruzione. Per smantellare una tale complessa organizzazione e avere le prove bisogna architettare un piano brillante ed ogni scacco deve andare al suo posto nel puzzle.

È proprio a livello molecolare che ogni singola sequenza del film trova il suo posto, seduce la mente, inganna lo sguardo, la regia porta lo spettatore su binari diversi e crea molteplici diversivi, differenti punti di vista per dare vita ad un unico grande raggiro. E per farlo sfodera il meglio del suo repertorio, avvalendosi di un cast ad orologeria e situazioni di vita vissuta (nella periferia yankee degli anni 70) in cui è possibile fluttuare sul filo del rasoio, mettendo in gioco speranze e sentimenti, propri ed altrui.

Politici, mafiosi, delinquenti, agenti speciali, procuratori, come un grande gangster movie, tutto viene appreso e ripreso nell’elogio al cinema noir che si unisce alla commedia classica, alla quale si aggiunge una buona dose di nouvelle vague. Questa è la potenza di O.Russell, il suo lato positivo, avere il polso fermo nelle situazioni più complicate e trarre il meglio da un plot semplice quanto esplosivo. Non c’è raggiro in questo, solo una piacevole sensazione di maestosità cinematografica.

 

About Simone Bracci 277 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website