Killer Women: first look

NON CONVINCE LA NUOVA SERIE CRIME DELLA ABC 

È iniziata con il piede sbagliato Killer Women, la nuova serie della ABC che ha debuttato in America lo scorso 7 Gennaio. Niente da fare quindi per la rete che trasmette Revenge, Once Upon A time e Scandal, nessuna delle nuove serie tv programmate in questo mese di gennaio, sembrano riuscire ad emergere nella guerra di ascolti e ratings. Killer Women, crime drama in 8 episodi, sembra che presto o tardi finirà nel dimenticatoio insieme a The Assets (altra serie in programma anch’essa in crisi di ascolti).

Prodotta dalla camaleontica Sofia Vergara, Killer Women, a conti fatti è un remake della serie argentina Mujeres Asesinas, incentrata sull’unica figura femminile presente nei Texar Rangers, un territorio notoriamente maschile. La protagonista è Molly Parker interpretata da una bellissima Tricia Helfer che torna in tv dopo i fasti di Battlestar Galactica ed il flop di The Firm. Qui è uno dei pochi Texas Ranger in gonnella che lavora per risolvere crimini e salvare gli innocenti. Caparbia e con tanto charme da vendere, Molly vive a casa del fratello (sposato e con una bambina), dopo che ha deciso di lasciare il manesco marito. I personaggi ci vengono presentati mentre Molly è impegnata a risolvere un caso piuttosto spinoso, nel quale troverà nel fascinoso Dan Winston (Marc Blucas) un valido aiutante.

Killer Women quindi si presenta come un cop drama in odore ed in sapore di già visto. Poco o nulla sembra funzionare all’interno di questa serie televisiva; se da una parte le storie personali dei singoli personaggi colpiscono nel segno, la serie invece decide di puntare molto sul “caso della settimana” piuttosto che approfondire il carattere del singolo protagonista. Killer Women quindi è un drama dalle tinte rosa che si cala quasi alla perfezione con la “poetica del network”. Più che un Castle texano è un Nashville con sparatorie, inseguimenti e musiche melanconiche. Quindi né la bellezza né l’affabilità di Tricia Helfer riescono a risollevare le sorti di questo serial televisivo che parte sconfitto in partenza. Se dai promo si immaginava che la tematica drama e quindi gli intrecci interpersonali, sarebbero stati il piatto forte dello show, ci troviamo di fronte ad un crime scritto male, prevedibile, con poca azione e vuoto di sentimenti.

Sofia Vergare quindi nella sua prima incuriosirne di produttrice in uno show televisivo, porta sul piccolo schermo una serie convenzionale che non dimentica le sue origini e la sua indole da vera seduttrice. Per il resto non crediamo che Killer Women possa avere vita lunga all’interno del palinsesto, perché sa da una parte la qualità dello show è molto bassa, dall’altra anche gli ascolti non sono da meno. Poco più di 4 milioni di telespettatori sono troppo pochi per un network come la ABC che farebbe meglio a tenersi stretto i suoi show di successo, invece di spendere soldi in prodotti come Killer Women.

 

 

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook