Film da vedere al cinema: le novità in sala

FILM DA VEDERE AL CINEMA, TRA GRANDI NOMI E CINEMA INDIPENDENTE

Un nuovo giovedì è arrivato e anche i primi giorni di Aprile sono passati. Ma se tutti gli inizi di mese sono ricchi di uscite cinematografiche come questo, allora non vediamo l’ora che sia Maggio. Già perchè oggi tra i tanti film da vedere al cinema che escono oggi in sala, è stato davvero difficile scegliere cosa consigliarvi. Alla fine la scelta è ricaduta su 6 film, e siamo lieti di sottolineare che ben 3 titoli vengono dal panorama del cinema indipendente che ce la fa a sbarcare sul grande schermo. Non fatevi scappare l’occasione quindi, i film in sala da oggi sono davvero di qualità: sopratutto, come non spesso capita, ce n’è uno per ogni gusto! Buon weekend cinefilo!

FILM DA VEDERE AL CINEMA:

DIVERGENT – per curiosi fantasy

Signori e signore, vi presentiamo la nuova saga fantascientifica marcata Hollywood. Dopo l’incredibile successo di Hunger Games, non poteva infatti non cavalcare quell’onda di soldi lasciandosi sfuggire Divergent, una trilogia letteraria che nello stile non è affatto dissimile dalla sopra citata. Il regista Neil Burger si destreggia bene tra il ritmo dell’action e l’ambientazione fantasy, creando un’atmosfera cupa degna dei migliori film post-apocalittici ma facendo rimanere con i piedi ben piantati in un tempo percepito come non troppo lontano. Dal Burger de L’illusionista e Limitless ci aspettavamo però un’analisi più approfondita del tormento della protagonista Beatrice, piuttosto che focalizzare la macchina da presa sulla storia d’amore tra lei e il capo dei divergenti.

NYMPHOMANIAC VOL. 1 – per curiosi d’autore

Incontriamo per la prima volta la protagonista Joe alla fine di un lungo piano sequenza che mostra la desolazione di un vicolo, desolazione che, con l’andare avanti della pellicola, capiamo essere non troppo diversa da quella della sua vita la quale, capitolo dopo capitolo, la donna racconta a  Seligman, suo casuale salvatore. Joe è per terra, sporca e tumefatta, Seligman la prende in braccio e la porta con sé. Da lì il film diventa un lungo dialogo di ricordi in cui lei racconta la sua vita a partire dai suoi primi impulsi sessuali fino ad arrivare, in questo primo volume, alla coronazione fisica dell’innamoramento. A dispetto delle critiche che hanno preceduto l’uscita del film, Von Trier in realtà ha dato vita a un personaggio femminile interessantissimo e fortemente cinematografico. Un’antieroina a tutto tondo figlia di questo tempo, figlia della libertà.

TI RICORDI DI ME? – per curiosi di favole vere

Ti ricordi di me? è un racconto d’amore dei tempi moderni in chiave sociale ed ironica, dai colori pastello e il tono d’incanto che richiama il romantico stile fiabesco. Rolando Ravello rende protagonisti della sua favola due perdenti, due personalità che i loro problemi hanno reso diverse e che è proprio il comune denominatore della loro forza emotiva. E li circonda di un contesto attuale nel quale sviluppare tematiche importanti come il precariato e l’incomunicabilità di coppia, prendendo la comicità della commedia come filo conduttore delle storie che vengono raccontate, divertendo con intelligenza e tenerezza. Sebbene ricco di sentimentalismo e non perfetto dal punto di vista registico, il film è l’elogio dei buoni sentimenti, quelli che ogni tanto fanno bene al cuore, messi in scena in modo semplice ma funzionale.

TIM HETHERINGTON, DALLA LINEA DEL FRONTE – per curiosi di vita vera

Tim Hetherington, dalla linea del fronte è l’omaggio cinematografico che l’amico-compagno di (dis)avventure Sebastian Junger ha voluto rendergli dopo la sua prematura morte, durante gli scontri a Misurata, nella guerra civile libica del 2011.  Un ritratto vero era quello che riusciva a fotografare, spietatamente vero: Hetherington era uno di quelli che amava il suo lavoro e che attraverso esso realizzava sé stesso nel riuscire a rendere un dolore e una situazione locale, in una universale. Il lavoro di Junger  documenta tutto questo e ci regala un’istantanea del reporter le cui foto non potremmo più avere il piacere di vedere. Delle foto che, come i libri, come i film, come una canzone, sono attimi di vita rubate al tempo.

THE SPECIAL NEED – per curiosi di viaggi speciali

The special need è un documentario – come il titolo stesso sottolinea – speciale ma anche coraggioso: Enea è un ragazzo autistico che sente il bisogno naturale e fisiologico di scoprire la propria sessualità e Carlo e Alex, da degni compagni di avventure quali sono, lo scortano in un viaggio che porterà il protagonista a rendere viva una parte di sé, della sua persona, che in in ogni altro essere umano è considerata ovvia ma che in persone affette da autismo è vista come tabù. Il documentario è un’Eneide sui generis dove il suo protagonista diventa simbolo di una liberazione, e il suo viaggio un lungo respiro alla fine del quale c’è il suo inalienabile alienato diritto all’amore.

I CORPI ESTRANEI – per curiosi di rapporti padre-figlio

Antonio è un padre e il suo piccolo Pietro è stato colpito da un tumore, fortunatamente operabile. Filippo Timi regge sulle sue spalle per intero I corpi estranei, pellicola scandita gesti e tempi lenti e da dialoghi/monologhi telefonici interminabili in un’ambientazione al di fuori della realtà. Stanco, rabbioso, tenero l’attore finalmente ha preso parte a un lavoro che sa mettere in luce le sue capacità attoriali di notevole spessore drammatico: i duetti col piccolissimo Pietro sono reali e teneri e hanno come complice una regia che sottolinea l’unione tra un padre e un figlio mai forte come quando il secondo è in difficoltà.

 

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook