Maleficent e le altre: Lady Tremaine

LA MATRIGNA DI CENERENTOLA, LE SUE IMPRESE E LA SUA MALVAGITÀ

A differenza delle altre Villain Disney Lady Tremaine, ovvero la matrigna cattiva di Cenerentola, non ha alcun potere magico eppure la sua malvagità non è certo meno accentuata di quelle delle altre antagoniste, sue degne colleghe.

Come Grimilde in Biancaneve e i 7 nani, anche Lady Tremaine sposa il padre della protagonista della fiaba per poi ritrovarsi, una volta vedova – in questo caso per la seconda volta – a dover crescere la sua figlioccia. Fin dalle prime immagini del Cartoon Disney viene palesata l’ostilità della donna nei confronti di quella che proprio lei soprannominerà Cenerentola: il suo sguardo soddisfatto mentre la piccola futura principessa piange il padre sul letto di morte fa immediatamente presagire che, da quel momento in poi, il destino della biondissima bambina sarà segnato.

Maleficent e le altreLa Matrigna entra nella vita di Cenerentola fin dalla sua infanzia dato che, dopo la morte della madre, il ricco padre della fanciulla pensa di doverle dare una nuova figura materna. Vedova anch’essa Lady Tremaine porta con sé nel lussuoso palazzo dove Cenerentola vive felice con suo genitore anche le sue due figlie, sgraziate e prive di bellezza, Anastasia e Genoveffa, nonché il suo gatto che ha chiamato, a sottolineare la sua indole, Lucifero.

La prematura morte del suo secondo marito porta la Matrigna a ereditare tutto il cospicuo patrimonio del secondo sposo e, allo stesso tempo, a palesare il suo odio e la sua invidia per la bellezza e la grazia della sua figliastra che costringerà a diventare una sguattera in quella che fino ad allora è stata la sua stessa dimora: proprio per le sue vesti sempre sporche della cenere delle pentole che la ragazza usa per preparare da mangiare alla sua Matrigna e alle sorellastre verrà chiamata, secondo la favola originale di Charles Perrault, Cenerentola.

Senza bisogno di alcun artificio magico Lady Tremaine ferisce moralmente, nel corso del disneyano racconto, la protagonista ma proprio il momento più umiliante della storia, quello in cui la ragazza riesce – anche grazie ai suoi amici topi – a confezionarsi un vestito per il ballo del Principe che verrà puntualmente strappato da Genoveffa e Anastasia col benestare della loro madre, è il punto di svolta dell’intera vicenda: le lacrime della ragazza attireranno inconsapevolmente la Fata Smemorina che con la sua bacchetta renderà Cenerentola impeccabile grazie all’ormai famosissimo vestito azzurro e alle scarpette di cristallo che diverranno simbolo della fiaba.

Le cattive, si sa, sono personaggi immaginari creati dagli autori delle storie per rendere difficile la vita delle sventurate principesse e, allo stesso tempo, più agognato il lieto fine.

Cenerentola allo scoccare della mezzanotte, ora in cui la magia della Fata svanirà, corre via dal ballo della corte inseguita dal principe ormai innamorato di lei e perde la sua scarpina, simbolo di verginità. Consapevole di quel che è accaduto la sera delle festa la matrigna chiude Cenerentola in una stanza in modo che quando le guardie del Re busseranno alla porta per cercare, su ordine del Principe, tra tutte le ragazze in età da marito quella a cui calza al piede la scarpetta di cristallo che sarà la futura Principessa, la giovane donna non potrà farsi trovare.

L’invidia l’avidità sono le caratteristiche principali di Lady Tremaine, arrampicatrice sociale d’altri tempi, una delle poche villain Disney e sicuramente l’unica delle antagoniste dei Classici della casa di produzione statunitense, a non avere la conoscenza delle arti magiche riuscendo, comunque, a mettere i bastoni tra le ruote alla sua figliastra che nonostante questo vivrà per sempre felice e contenta.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook