Snack, si gira: Breaking Bad e l’American Breakfast

CI TUFFIAMO NEL MONDO DELLE SERIE TV, CON UNA DEGLI SHOW PIU’ AMATI DI SEMPRE: COLAZIONE E ANFETAMINE

Di nuovo sono a parlare di serie tv e proprio oggi ho deciso di dedicare la mia rubrica a una delle migliori degli ultimi dieci anni. Sto parlando di Breaking Bad (2008-2013). Come mio solito mi sono buttata a capofitto nella visione di questo telefilm. Sotto suggerimento costante di mio fratello e poi di amici ho iniziato a vederlo, inizialmente con una punta di scetticismo : ” Una serie tv sulla droga, non credo faccia per me.” Dopo la prima puntata, nel giro di una settimana avevo già terminato la prima serie, per poi ritrovarmi dopo circa due mesi ad averle finite tutte e cinque! Insomma, mi sono talmente “drogata” di questa serie tv che i giocatori di Word Of Warcraft in confronto a me sono degli animali sociali.

La storia di Walter White (Bryan Cranston), semplice professore di chimica del liceo e padre di famiglia, prende una svolta destinica quando scopre di avere un tumore ai polmoni. La moglie Skyler (Anna Gunn) è nuovamente incinta e suo figlio adolescente Walter Jr, a seguito di un parto difficile ha problemi motori. Ecco perchè non può permettersi di lasciare la sua famiglia senza prima provvedere economicamente a loro. Dopo che il cognato Hank, agente della DEA, lo porta ad assistere ad una retata in un laboratorio di metanfetamina, Walt incontra Jesse Pinkman (Aaron Paul) suo ex studente, ora spacciatore con la quale decide di mettersi in affari: lui metterà a disposizione la sua conoscenza chimica per cucinare mentafetamine, l’altro spaccerà, dividendo poi i profitti in un 50%-50%.

Walt però, riuscirà a creare un tipo di droga talmente pura da sbaragliare la concorrenza. La sua merce diventerà la più richiesta sul mercato e questo scatenerà l’ira dei cartelli di droga ma soprattutto risveglierà il suo ego, assopito da anni di vita umile e insoddisfacente.
Le ultime quattro puntate le ho dovute vedere in compagnia, avevo bisogno di un sostegno morale. E devo dire che avevo ragione. Non spoilero nulla ma posso assicurarvi che mai nessuna serie che avevo visto è finita in maniera così soddisfacente. Vince Gilligan, l’autore del telefilm è riuscito a rispondere a tutte le domande senza tirare la faccenda troppo per le lunghe, senza cascare nell’ovvietà.

Forse la maggior parte del merito è anche degli attori perchè se si fosse trattato di un film, l’Academy Award a Bryan Cranston non lo avrebbe tolto nessuno (infatti sia lui che Aaron Paul e Anna Gunn hanno vinto un Emmy, oltre agli innumerevoli altri premi vinti dalla serie stessa)! Chi l’avrebbe mai detto che il padre di MALCOM sarebbe diventato un vero e proprio CULT!? In questo telefilm inoltre non si parla altro che di CUCINARE. Ovviamente come la mia rubrica vuole, anche oggi cucinerò io per voi…ma in maniera totalmente diversa da quella dei nostri protagonisti. Diciamo che userò come al solito padelle e mestoli, piuttosto che provette e acido iodridico.

Come piatto da proporvi avevo pensato a delle caramelle blu, in richiamo alla metanfetamina ma poi mi è parso un po’ troppo eccessivo!
Per cui, come giustamente notato da una mia amica, perchè non preparare una bella colazione americana UOVA, BACON E PANE TOSTATO, proprio come quelle che la bellissima Skyler prepara TUTTE LE MATTINE a Walter e suo figlio Walt Jr? Essere il più grande produttore di metanfetamine d’America richiede fatica: la giornata deve partire con la giusta carica dopotutto!

ALL HAIL THE BREAKFAST!

Snack si giraINGREDIENTI:
(Per 2 persone)

– 5 uova grandi
– burro
– panna da cucina
– bacon( o speck)
– pane in cassetta
– sale
– pepe
– olio
– erba cipollina

PREPARAZIONE:

In una padella antiaderente mettete a cuocere le vostre fettine di bacon.
Nel frattempo sbattete in una ciotola o scodella, 5 uova grandi. Aggiungete sale (non troppo, il bacon è già salato) e pepe. Una volta pronte togliete le fettine dalla padella e sempre nella stessa fate sciogliere una piccola noce di burro.
Buttate le uove e non appena inizieranno a cuocersi iniziate a mescolarle con un mestolo, muovendole dal basso verso l’alto per “strapazzarle”. Aggiungete un cucchiaio di panna da cucina e continuate a mescolare.
Dopo qualche minuto levate la padella del fuoco per non cuocere troppo le uova.
Mettete nello stesso piatto con il bacon e spolverate con erba cipollina. Un po’ di ketchup, pane tostato con il burro e un buona tazza di caffè nero!
Ecco pronta la vostra perfetta colazione americana.

CONSIGLI:

– Se amate la colazione all’americana nessuno vi impedisce di farla. L’importante è non abusare e alternarla con altre cose: latte e cereali, caffè e biscotti. L’importante è fare SEMPRE colazione, il pasto più importante ed è concesso che sia anche quello più ricco di tutti!
– Se non amate il bacon potete comunque tostare e imburrare il pane e magari usare prosciutto crudo o speck,passato velocemente in padella.
– Nell’episodio pilota Skyler prepara del VEGGIE BACON scatenando il malcontento del figlio, Walter Jr: che senso ha LA PANCETTA VEGETARIANA?
– Sempre Skyler ad ogni compleanno del marito prepara la colazione spezzetando il bacon e disponendolo sulle uova in modo da comporre l’età che Walter compie quel giorno. Un rituale che ritorna in tutte e cinque le serie!

Il bello di questa serie è che ogni personaggio è talmente ben strutturato che potrebbe essere il protagonista a sè di un altro telefilm. A partire da Jesse Pinkman, interpretato da un bravissimo Aaron Paul che è riuscito a creare un vero e proprio CO-PROTAGONISTA, con una gestualità e modo di parlare che lo identificano immediatamente. Insomma non so se si è capito quanto mi sia piaciuto BREAKING BAD e quanto vi consigli caldamente di seguirlo, magari in compagnia, perchè vederlo da soli è un po’ una tortura. Vi auguro quindi una buona visione e vi saluto come vi saluterebbe Jesse Pinkman: Goodbye, Bi**hes!

 

About Redazione Film4Life 5535 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook