Blockbusters memories: The Blues Brothers

THE BLUES BROTHERS RIMANE E RIMARRÀ PER SEMPRE UNO DEI PIÙ  GRANDI CULT NELLA STORIA DEL CINEMA

The Blues BrothersSfogliando le pagine della nostra rubrica, Blockbusters Memories, ci si può rendere conto che il periodo degli sperimentali anni 80′ sono stati la culla di svariate cinefili americani che, dopo un passaggio attraverso il tubo catodico con differenti show di successo, hanno lanciato e al contempo sperimentato un cinema differente, nato per intrattenere tutta la famiglia. Come detto, registi e attori prima di donare al cinema queste pellicole immortali, dovettero fare molta gavetta in tv portando ad ogni apparizione una nuova ed esilarante trovata. Questa nuova generazione di artisti era ormai pronta a rinfrescare il grande schermo con una nova ondata di idee.

Nata da uno sketch musicale avvenuto durante una puntata del celebre programma americano Saturday Night Live, la band dei Blues Brothers fu fondata dal genio di Dan Aykroyd e John Belushi nel 1978. Sempre nello stesso anno pubblicarono il loro primo album contenente brani musicali in puro stile soul/blues e solo due anni dopo, dopo varie apparizioni televisive, decisero di puntare in alto e di sfondare al cinema con il film The Blues Brothers diretto da John Landis nel 1980.

La storia racconta le rocambolesche avventure dei fratelli Blues, rispettivamente Jake Joliet (John Belushi) e Elwood (Dan Aykroyd), che una volta scoperta l’imminente chiusura del loro orfanotrofio di provenienza, per fare qualche soldo decidono di riorganizzare la loro vecchia Blues band.

Questa fantastica pellicola portatrice di una nuova comicità è stata scritta a quattro mani dallo stesso regista Landis in collaborazione con Aykroyd. I due sono riusciti a cavare da un soggetto televisivo, una storia ritmata ricca di interpreti, rendendo così il film piacevole a tutte le età. Per l’appunto, quando si parla di interpreti, questa storia ha avuto la possibilità di essere stata raccontata da James Brown, Ray Charles, Aretha Franklin e molti altri ancora. Questi mostri sacri della musica si sono divertiti, e continuano a divertirci, con l’irresistibile duo comico protagonista.

Anche se la critica non lo accolse bene reputandolo un film fatto di stramberie dettate da una comicità elementare, gli anni e il grande seguito di pubblico in continuo aumento lo portarono ad affermarsi come Cult movie dandogli giustizia.

Il regista è completamente a suo agio dietro la cinepresa, anche grazie alla rinnovata collaborazione con l’amico John Belushi e ci offre una visuale esagerata del mondo, introducendo dello spiritualismo che si respira attraverso le allusioni degli stessi protagonisti, sempre al limite fra il sacro e il profano.

Senza respiro, sempre sul piede del gas grazie alla Nostra Signora della Santa Accelerazione, questa mitica storia ricca di colpi di scena ed incidenti stradali è un vero inno alla libertà che ci regala un sorriso stampato lungo tutta la visione, cullandoci sulle dolci note del Rhythm and Blues.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook