Resta anche domani: recensione film

RESTA ANCHE DOMANI IL NUOVO, RICATTATORIO, TEEN WOOPIE

locandina-resta-anche-domaniGENERE: drammatico

DURATA: 106′

USCITA IN SALA: 18 settembre 2014

VOTO: 2 su 5

Parallelamente alle famigerate saghe, prima letterarie e poi cinematografiche, dedicate agli adolescenti, sta nascendo un nuovo genere che unisce le due arti e che è dedicato sempre a quel pubblico compreso tra i 12 e i 18 anni e a tutti coloro che non si sono mai distaccati culturalmente da quella fascia di età, anche se anagraficamente da anni l’hanno superata.

Colpa delle Stelle, il lungometraggio tratto dall’omonimo libro di John Green nonché operazione commerciale criminale, è il capostipite di questa nuova tipologia di romanzi e conseguenti film che vengono catalogati come teen woopie.

Sulla cresta dell’onda formata dalle facili lacrime dei ragazzi di tutto il mondo a una manciata di settimane dall’uscita di Colpa delle Stelle, arriva sugli schermi italiani Resta anche domani, adattamento del best seller di Forman Gayle che narra le vicende di Mia una musicista il cui unico problema sembra essere legato alla scelta tra perseguire i suoi sogni musicali alla Julliard oppure seguire il suo amato Adam e che invece, in seguito a un incidente stradale che la manderà in coma la vita, e le opzioni, di Mia cambieranno radicalmente.

Resta anche domani è un racconto di formazione e dolore che ha come protagonista la stellina nascente, ma già splendente, della cinematografia hollywoodiana Chloe Grace Mortez. Un film che avrebbe avuto più dignità, sia narrativa che morale, se si fosse fermato semplicemente a raccontare l’amore di Mia per il suo violoncello parallelo a quello per il suo rockettaro fidanzato. In una Portland che più spesso è stata sporcata di bellezza dalle dure parole di Chuck Palhaniuk è il dramma e il suo facile epilogo ad essere al centro di un plot che tende a strappare le lacrime con troppa facilità e che risulta ricattatorio esattamente come Colpa delle Stelle.

Meno furbo, più curato e con personaggi, come i genitori di Mia anch’essi amanti del rock, decisamente meglio riusciti del teen woopie estrapolato dalle parole di Green, Resta anche domani rimane comunque un prodotto diseducativo e amorale, dove la storia l’amore e la morte diventano oggetto di estorsione del pianto.

About Redazione Film4Life 5529 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook