Venezia 71 (Leone d’Argento) – The Postman’s White Nights: recensione film

THE POSTMAN’S WHITE NIGHTS DI ANDREJ KONČALOVSKIJ È  UNA STORIA RURALE E SOPORIFERA CHE NARRA LA QUOTIDIANITA’ DI UN PICCOLO PAESINO RUSSO

the_postman_s_white_nights_posterVOTO: 2.5 su 5

Lento, lentissimo il film diretto dal regista russo Andrej Končalovskij. Il racconto del quotidiano dei cittadini di un paesino si perde tra gli scenari rurali e anestetici. Il ritmo è soporifero e il tempo sembra essersi davvero bloccato in un’atmosfera sempre uguale e ripetitiva. La pellicola, interpretata da attori non professionisti ma da reali cittadini, narra le vicende di un postino, le sue giornate, le abitudini, i vizi come l’alcool e il rapporto con i vicini. L’intera vicenda si sviluppa in uno sperduto paese russo, completamente scollegato dalla terra ferma e raggiungibile solo via mare. Quasi come una comunità, o meglio una grande famiglia, vivono i cittadini di questo che sembra quasi una realtà fuori dal reale stesso. Il racconto che non giunge ad alcuna conclusione si muove inciampando in ogni angolo, è lento e noioso senza mai soffermarsi sulla vera vicenda. Piace l’idea del postino quale unico mezzo di collegamento, un uomo che rappresenta quasi uno strumento di sopravvivenza in quel paesino sperduto nel nord della Russia.

Buona e ben riuscita l’idea di utilizzare dei veri cittadini e non attori professionisti che donano al linguaggio e al visivo una veridicità che di certo non stona nel racconto, a metà tra il film e il documentario. Fiabesco risulta l’elemento del sogno che segue il protagonista quasi fossero allucinazioni, che arrivano veloci e repentine a sconvolgere l’anestetica quotidianità. Per il resto la pellicola di Andrej Končalovskij manca di cuore e passione che fa si che il racconto si perda in quel bianco delle notti senza riemergere. Tanti i temi che si snodano nella vicenda, la natura ancora selvaggia, il sottrarsi all’imminente progresso, quel progresso che nel villaggio Kenozero non arriva. L’idea ancestrale della pellicola piace, peccato che lo sviluppo finisca solo per far addormentare.

About Redazione Film4Life 5534 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook