Fermoimmagine: la plastilina firmata Aardman Animations

I creatori di Wallace & Gromit regalano al cinema Galline in fuga, Giù per il tubo e Pirati!

Peter Lord e David Sproxton si conoscono giovanissimi, al liceo: a unirli in un’amicizia e in una collaborazione che continuano ancora oggi sarà semplicemente la passione per il cinema. Entrambi amano poi in particolare il mondo dell’animazione, pienamente convinti che possa essere un mezzo per raggiungere un pubblico di qualsiasi età. Nel 1972 fondano insieme la Aardman Animations e portano i loro personaggi di plastilina sulle reti televisive britanniche.

wallace&gromitNegli anni collezionano la regia di svariati videoclip musicali, ma soprattutto di mini-serie e cortometraggi sia per la BBC che per Channel 4, accumulando esperienza e preziosi collaboratori come Nick Park. Il successo e il riconoscimento mondiale arrivano tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. A decretare il punto di svolta è la vittoria agli Oscar per il Miglior Cortometraggio Animato, nel 1990: Creature Comforts si presenta come una serie di interviste agli animali di uno zoo inglese, argomentando tra i loro punti di vista i pregi e i difetti della vita in cattività.

Negli stessi anni Lord e Sproxton danno inoltre vita ai loro personaggi più famosi. Wallace & Gromit, l’ingenuo inventore inglese amante del formaggio e il suo fedele, intelligentissimo e muto cane, in pochi anni portano alla Aardman Animations altri due premi Oscar: uno nel 1993 per I pantaloni sbagliati e un altro nel 1995 con La tosatura perfetta. La strana coppia non diventa solo il volto della casa d’animazione ma, essendo ogni loro avventura lunga ben trenta minuti, anche il trampolino di lancio per la creazione del primo lungometraggio Aardman.

Galline in fuga ripaga ampiamente gli sforzi dei suoi creatori, con un enorme successo di critica e ingenti incassi nei botteghini di tutto il mondo. I rocamboleschi piani di evasione di un gruppo di gallinelle inglesi sembrano finalmente destinati a funzionare quando il galletto americano Rocky (doppiato nell’originale da Mel Gibson) promette di potergli insegnare a volare, ma l’avida e brutale allevatrice Mirs. Tweedy (Miranda Richardson) ha ben altri progetti in mente. Per realizzare il film occorrono 30 set diversi, 80 animatori e il lavoro di 180 collaboratori, che impiegano comunque un’intera settimana per girare un solo minuto di pellicola.

Il progetto successivo porta sul grande schermo nel 2005 Wallace & Gromit alle prese con La maledizione del coniglio mannaro. I protagonisti vengono ancora affiancati da attori di grande calibro: in sala di doppiaggio, a dar voce alla preoccupazione della nobiltà locale di fronte alla mitologica e spaventosa creatura, troviamo Ralph Fiennes e Helena Bonham Carter. Il passaggio al cinema non fa che confermare la formula vincente di Wallace e Gromit, che questa volta vincono il premio Oscar per il Miglior Lungometraggio Animato: un primato, dato che nessun film in stop-motion aveva mai ricevuto l’onore.

Giù per il tubo chiude poco dopo la trilogia realizzata in collaborazione con la DreamWorks con discreto successo, ma senza raggiungere i livelli dei due lungometraggi precedenti. Per sette anni le figure di plastilina della Aardman Animations si assentano dalle sale cinematografiche per tornare nel 2012, grazie alla Sony, con Pirati!. La pellicola è brillante e splendidamente animata, ma non riscuote il guadagno sperato. Le aspettative si concentrano ora su Shaun the Sheep, un altro personaggio storico della casa di produzione nonchè coprotagonista della tosatura perfetta, in arrivo al cinema per l’inizio del 2015.

 

About Redazione Film4Life 5537 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook