Tutto può Cambiare: recensione film

TUTTO PUÒ CAMBIARE, DIRETTO DA JOHN CARNEY, NON È SOLO UNA COMMEDIA MUSICALE MA UNA SORTA DI ”BEST OF” DELLE EMOZIONI UMANE

locandina-tutto-puo-cambiareGENERE: commedia

USCITA IN SALA: 16 ottobre 2014

DURATA: 104’

VOTO: 3 su 5

È difficile restare positivi quando tutto gira a sfavore e le cose, nonostante l’impegno, la passione e la dedizione ad esse dedicate, continuano ad andar male, senza nessun tipo di bagliore speranzoso all’orizzonte. Toccare il fondo più e più volte non fa bene all’anima, inutile affermare che una volta giù si può solo risalire: per un’impresa così ardua ci vuole coraggio e calore umano, altrimenti si resta inabissati nello sconforto e nel dolore, aspettando ignavi e passivi un giorno migliore, mentre tutto scorre, quando le giornate di sole sono solo un ricordo sbiadito, nell’attesa di rivedere un raggio che possa squarciare le nuvole e cambiare, nuovamente, tutto quanto.

Dan Mulligan (Mark Ruffalo) e Gretta (Keira Knightley) sono accomunati proprio da questo: entrambi sono stati sconfitti dalla vita, inghiottiti dai fallimenti e dalle delusioni, all’ombra dei grattacieli di un’infinita New York. Dan è un produttore musicale ormai in declino, con una figlia, un matrimonio fallito e l’alcool a far compagnia; Gretta invece viene dall’Inghilterra e scrive canzoni, accompagna il suo fidanzato Dave (Adam Levine), anch’esso musicista, nella Grande Mela per un contratto che lo porterà alla ribalta. Il successo però lo allontana da Gretta e lei con la sua chitarra, rimaste sole, incontrano per caso l’orecchio di Dan, intenzionato a cambiare la sua vita, deciso a produrre proprio le ballate dolci della sperduta ragazza.

John Carney dirige così la melodia dolce e delicata di Tutto può Cambiare, un film che parla e canta allo spettatore per mezzo di in uno sparito in cui le note musicali sono le sensazioni e la voglia di rinascita di due persone dall’enorme talento, ma incomprese da tutto ciò che gira attorno a loro, affossando i sogni di cui sono i principali e imprescindibili interpreti. Non è solo una commedia musicale, ma una sorta di Best Of delle emozioni umane: amore, amicizia, passione, delusione e, soprattutto, rinascita. Il cambiamento, sembra dirci un film imperfetto ma onesto e colorato, bisogna coglierlo e saperselo meritare e, una volta avvenuto, proprio nel momento in cui torna a splendere la luce c’è la prova più difficile: mantenere intatto il proprio essere, senza che venga avvelenato o contaminato ancora una volta. Tutto può Cambiare, con la sua tonalità, l’enorme, pazza e splendente New York a far da cornice perfetta e amplificata, e la voce mista agli occhi dei personaggi stropicciati ma coraggiosi, riesce con semplicità ad essere vita applicata al cinema.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook