Florence Queer Festival: il regista israeliano Eytan Fox ospite d’onore

FLORENCE QUEER FESTIVAL, LA PIU RECENTE CINEMATOGRAFIA INTERNAZIONALE GAY, LESBICA, BISEX E TRANSGENDER

florence queer festivalSi svolgerà dal 21 al 27 novembre presso il cinema Odeon di Firenze, la dodicesima edizione del Florence Queer Festival, nell’ambito della kermesse 50 giorni di cinema internazionale a Firenze.

Il festival, diretto da Bruno Casini e Roberta Vannucci, è organizzato dall’associazione Ireos – Centro Servizi Autogestiti per la Comunità Queer di Firenze, in collaborazione con Arcilesbica Firenze e Music Pool, con il contributo di Fondazione Sistema Toscana – Mediateca Regionale e il patrocinio del Comune di Firenze. La dodicesima edizione propone un ricco programma composto da trenta titoli (15 in concorso), due contest per corti (Videoqueer e Se hai testa fai il test) e una retrospettiva dedicata al regista Eytan Fox. Inoltre a partire da questa edizione è istituito il concorso per il miglior lungometraggio.

Il film di apertura del festival è Cupcakes di Eytan Fox, una commedia colorata e glamour con la musica di Babydaddy degli Scissor Sisters, che racconta la storia di un gruppo di amici di Tel Aviv scelti per rappresentare Israele all’Eurovision Song Contest. Il regista isrealiano, a cui il festival dedica una retrospettiva, e la drag performer Cybercissy saranno presenti in sala.  Il 27 novembre, nel corso della serata di chiusura del festival si svolgeranno le premiazioni dei vincitori del concorso lungometraggi, e dei contest per corti Videoqueer e Se hai testa fai il test (premio 1000 euro). A seguire sarà proiettato il film che chiuderà la dodicesima edizione del Florence Queer Festival, Helicopter Mum di Salomé Breziner. E’ la storia di una mamma amorevole ma invadente, interpretata da Nia Vardalos (attrice e scenaggiatrice de “Il mio grosso grasso matrimonio greco”), e del figlio diciassettenne Lloyd, ancora indeciso sulla sua identità sessuale.

Tra i vari film in programma al festival si segnalano Der Kreis – The Circle di Stefan Haupt, già vincitore all’ultima Berlinale e del Festival LGBTI di Torino, che racconta la storia dell’omonima rivista fondata a Zurigo negli anni Cinquanta, Pierrot Lunaire, ultima opera del regista canadese Bruce LaBruce, Global Gay the next frontier in human rights di Frédéric Martel e Rémi Lainé, documentario sul movimento per i diritti degli omosessuali raccontato attraverso la voce di alcuni coraggiosi attivisti. Inoltre One Zero One di Tim Lienhard, un ibrido tra documentario e performance dal vivo sulla vita delle drag Cybersissy e BayBjane, Giò Stajano. Siamo tutti figli di Dio di Luigi Caiffa, sulla vita di Giò Stajano, primo omosessuale dichiarato d’Italia e unica vera icona gay, morta nel 2011. Il documentario sulla scrittrice iconoclasta degli anni ’50 Violette Leduc di Esther Hoffenberg, un inno alla libertà e alla magia della parola. In programma anche due documentari che affrontano il delicato tema della condizione degli anziani LGBTI: Rebel Menopause di Adele Tulli, ritratto di Thérèse Clerc femminista che racconta il progetto di co-housing over ’65 in Francia e Welcome home di Silvia Maggi, dedicato alla prima comunità per anziani LGBT in Germania.

Il 20 novembre è la giornata internazionale contro la transfobia, TDOR-Transgender Day of Remembrance, e il Florence Queer Festival presenta tre lungometraggi che affrontano il tema della transessualità: Purple Skies di Sridhar Rangayan: Boy Meets Girl di Eric Schaeffer, e il documentario Favolose: storie in passerella! di Luca Oliviero.

In programma al Florence Queer Festival anche un focus sui diritti umani, mercoledì 26 novembre, in collaborazione con il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe, con la proiezioni di film che indagano sul tema dell’uguaglianza e dignità delle persone LGBT,

Per informazioni dettagliate su programma e orari www.florencequeerfestival.it

About Redazione Film4Life 5537 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook