Books and Cigarettes: Non sono quel tipo di ragazza

NON SONO QUEL TIPO DI RAGAZZA, L’ESORDIO LETTERARIO DI LENA DUNAHM

Non sono quel tipo di ragazza_filmforlifeUna donna, una scrittrice, una gazzella in cerca di se stessa per le vie di New York: questa breve descrizione porta subito alla mente l’indimenticabile e uterina Carrie Bradshow, protagonista sopravvalutata di Sex and the City. Ma se Carrie Bradshow, le sue Manolo Blahnik e i suoi strampalati amori nell’attesa che rinsavisse quel Mr. Big metafora dell’uomo perfetto tra ricchezza, sindrome di Peter Pan e varie ed eventuali imperfezioni da latin lover trito e ritrito hanno rovinato una generazione di donne, ecco che arriva al suo posto un’altra figura femminile, un’altra scrittrice che vive all’ombra della Grande Mela che non è frutto della fantasia alias alter ego Candace Bushnell, pseudo giornalista che millanta di conoscere le altre donne e crea miti surreali, bensì è vera, esiste in tanta carne e ossa: Lena Dunham.

Classe 1986, a soli 28 anni la Dunham è già una delle più quotate sceneggiatrici del panorama statunitense con all’attivo dieci progetti cinematografici (tra corti e lungometraggi), i quali, nella maggior parte dei casi, sono stati scritti, diretti e interpretati da lei, una serie tv che le è valsa due Golden Globes e che è stata nominata agli Emmy con quattro candidature, Girls, e un libro, Non sono quel tipo di ragazza.

Figlia d’arte (la madre è una fotografa e il padre è un pittore) Lena è stata più volte accostata a personaggi femminili che negli ultimi anni sono diventati iconici per il gentil sesso, ovvero la su citata protagonista dello show tv HBO tutto al femminile Sex and the city e la softy sfigata Bridget Jones, pur non avendo in realtà nulla in comune con nessuna delle due e a dimostrarlo, qualora ci fossero dei dubbi, è il suo esordio letterario Non sono quel tipo di ragazza, un diario esplicito che è per la scrittrice una sorta di confessione senza filtri e per il lettore un tuffo nella personalità eccentrica e ossessivo compulsiva di una ragazza che narra con sarcasmo e sincerità gli errori di una vita con la speranza, forte della presunzione fondata e affatto nascosta di una giovane donna nel pieno del suo successo, che chi li legge non li ripeta.

Ironica, mai volgare e a volte adolescenziale e immatura nella narrazione che pagina dopo pagina è corredata da deliziosi, stilizzati disegni, Lena Dunham consegna alle donne una sorta di manuale dell’autodidatta e lo fa spogliandosi di ogni sovrastruttura lessicale o morale. Dopo aver mostrato senza vergogna il suo corpo tondo, tatuato, quasi come se fosse la morbida tela che racconta la sua vita, la giovane promessa mantenuta del panorama cinematografico e televisivo americano, mostra con la stessa schiettezza un’anima affatto fragile ma al contempo tormentata e viziata dando in pasto al mondo ogni suo difetto e molti dei suoi segreti, senza vergognarsi mai di nulla e di nessuno. E dalle pagine fitte di ricordi, aneddoti, uomini sbagliati e fissazioni part time, sembra proprio che sia l’assenza di remore nel raccontare e nel raccontarsi senza abbellimenti ciò che rende Lena Dunham una vincente.

About Redazione Film4Life 5524 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook