Al Festival del Nuevo Cine Latinoamericano sbarca il cinema italiano

DUE EVENTI OMAGGIANO I GIOVANI REGISTI GRAZIE A ROMA LAZIO FILM COMMISSION E FONDAZIONE ENTE DELLO SPETTACOLO

Festival Cine HabanaIl cinema italiano arriva a Cuba: è infatti partita la 36° edizione del Festival Internacional del Nuevo Cine Latinoamericano de La Habana che si concluderà il 14 dicembre e, grazie all’intervento di Roma Lazio Film Commission e Fondazione Ente dello Spettacolo, l’Italia sarà protagonista con due iniziative. La prima è un convegno dal titolo Panorama Italia. Shooting, Production, Industry, in programma per domani 13 dicembre presso l’Hotel Nacional de Cuba. L’attenzione di questo evento sarà focalizzata su alcuni precisi aspetti del cinema italiano, ossia produzione, mercato, industria e consumo.

Il secondo è la rassegna cinematografica Prospettiva Italia. Proprio da oggi 12 dicembre, saranno proiettati diversi film di giovani registi che comprendono: Smetto quando voglio di Sydney Sibilia, commedia sulla crisi incentrata sul problema della disoccupazione e del precariato nell’Italia di oggi e che colpisce anche i più preparati e qualificati; Io, Arlecchino di Giorgio Pasotti e Matteo Bini, primo film su questa maschera della commedia dell’arte interpretata dallo stesso Pasotti; I nostri ragazzi di Ivano De Matteo, sul rapporto di due fratelli e rispettive mogli, che vedono spezzata la loro routine familiare quando i loro figli vengono filmati mentre pestano un senzatetto; Fino a qui tutto bene di Roan Johnson, nei cinema italiani dal prossimo gennaio.

Tutti questi lavori sono stati presentati quest’anno in festival internazionali (Roma, Venezia, Reykjavik), oltre ad avere in comune l’essere nati per mano di giovani registi. Il culmine di questa rassegna sarà rappresentato dalla proiezione del documentario di Lucas Duran, prodotto dal Centro Televisivo Vaticano, Archivio segreto vaticano – Un viaggio nella storia.

Una bella iniziativa per omaggiare un cinema di successo.

About Eleonora Materazzo 569 Articoli
"Drama is life with the dull bits cut out"