A Cannes è l’anno delle donne e dell’Italia


CANNES 68: NON VINCE UN FILM ITALIANO DA 14 ANNI

Isabella RosselliniMercoledì è iniziata la 68° edizione del Festival di Cannes. Ecco alcune curiosità su uno degli appuntamenti cinematografici più attesi dell’anno.

  • Iniziamo dagli italiani: come è ormai noto, sono tre i nostri compaesani in concorso, Nanni Moretti con Mia Madre, Matteo Garrone con Il racconto dei racconti e Paolo Sorrentino con La giovinezza. Non c’erano tanti italiani al festival da almeno 20 anni.
  • E se uno di loro vincesse? Sarebbe bello festeggiare, visto che non succede dal 2001. A trionfare quell’anno fu proprio Nanni Moretti con La stanza del figlio.
  • Quest’anno per la prima volta nella storia del Festival di Cannes sono due i presidenti della giuria. A essere eletti per ricoprire il ruolo sono stati i fratelli Coen.
  • A presiedere invece la giuria della sezione Un certain regard è Isabella Rossellini, proprio nell’anno del centenario della nascita di sua madre, la diva Ingrid Bergman, scelta per questa ricorrenza per campeggiare sui manifesti dell’evento. Anche la Bergman fu a capo della giuria di Cannes, nel 1973.
  • Niente selfie sul red carpet: quest’anno scattare è proibito, ordini di Thierry Fremaux, direttore del Festival. Secondo lui scattarsi le foto fa perdere tempo, rallenta i ritmi della manifestazione e poi “Le star non sono sembrate mai così brutte come nei loro selfie ridicoli e grotteschi”.
  • Tra gli appuntamenti più attesi del Festival ci sono anche i cartoon. Saranno presentati fuori concorso e da mesi se ne parla, sono Inside Out della Disney Pixar e Il piccolo principe diretto da Mark Osborne. Per realizzare questo lungometraggio in stop motion e animazione CGI ci sono voluti 80 milioni di dollari e 250 professionisti chiamati da Disney, Pixar e Dreamworks.
  • Cannes è anche sinonimo di polemiche. Il primo di quest’anno è legato al documentario Amy di Asif Kapadia, che ripropone la vita della cantante Amy Winehouse prematuramente scomparsa a 27 anni. Nel film sarebbero utilizzati dei filmati inediti, ma a detta del padre in modo fuorviante. Per questo sembra che sia sua intenzione rivolgersi a un legale.
  • Per la prima volta il film d’apertura del festival è diretto da una donna. Il titolo è La Tête Haute, la firma quella di Emmanuelle Bercot, nel cast Catherine Deneuve.
  • Si torna a parlare di omosessualità, ma non solo in un film, anche nella vita privata dei vip. A finire sotto i riflettori per una dichiarazione rilasciata alla stampa è stata Cate Blanchett, che nei giorni scorsi ha detto di “aver avuto molte donne nella sua vita”. Tra l’altro l’attrice è presente a Cannes con il lungometraggio Carol di Todd Haynes al fianco di Rooney Mara. Le due interpretano due donne innamorate contro ogni convenzione della New York degli anni ’50.

About Eleonora Materazzo 548 Articoli
"Suonala ancora, Sam"