Audrey Hepburn, un’icona in mostra


AUDREY HEPBURN, TRA CINEMA E STILE, IN MOSTRA A LONDRA

Hepburn coverÈ di nuovo lei, Londra, la città che ci regala una nuova esposizione di cui parlarvi nel nuovo appuntamento della nostra rubrica VideoArte. Questa volta la protagonista è una star del cinema, una diva dello scorso secolo: Audrey Hepburn. Audrey Hepburn Portraits of an Icon sarà inaugurata il 1° luglio, e aperta al pubblico dal 2 luglio al 18 ottobre 2015 presso la National Portrait Gallery.

La mostra fotografica è stata impostata su una selezione di più di 70 scatti messi a disposizione dai due figli della diva, Luca Dotti e Sean Hepburn Ferrer, scelti direttamente dall’archivio di famiglia; fotografie che ripercorrono non solo la carriera cinematografica ma anche la vita privata e l’impegno umanitario di una delle icone del Novecento. Molte immagini portano la firma di grandi fotografi come Richard Avedon, Cecil Beaton, Terry O’Neill, Norman Parkinson and Irving Penn, oltre a copertine di vari magazine e foto di scena dei suoi numerosi e famosi film.

Molte quelle inedite, alcune invece già viste, raramente o più spesso, ma tutte volte ad omaggiare una donna delicata e dallo stile inconfondibile, tanto che proprio quest’anno è stata incoronata da un sondaggio come la “britannica più elegante di sempre”, superando addirittura David Beckam e Lady Diana.

Una figura inconfondibilmente esile, a causa della malnutrizione subita durante gli anni della guerra e rivelata dal figlio Luca (nata a Bruxelles, si trasferì bambina in Olanda, dove visse la privazione del cibo provocata dalla Seconda guerra mondiale fino all’adolescenza, e la sua nutrizione non era sufficiente neanche per farla stare in piedi); grandi occhi da cerbiatta, resi ancor più magnetici dall’eyeliner scuro, dalle numerose passate di mascara e dalle ciglia separate una ad una con uno spillo; labbra fine, che era solita ridisegnare per farle sembrare più carnose; seno piccolo e piedi grandi, elementi che contribuivano a renderla “imperfetta”. Nonostante questo, è stata una delle donne più fotografate di sempre.

“La mia vittoria più grande è stata quella di convivere coi miei difetti”, diceva. Ma era stata capace di accettarsi, una lezione sempre attuale, ieri come oggi.

About Eleonora Materazzo 569 Articoli
"Drama is life with the dull bits cut out"