Teneramente folle: recensione film


PROVA ECCELLENTE DI MARK RUFFALO, PADRE BIPOLARE DI MAYA FORBES

Teneramente-folle-locandinaGENERE: commedia drammatica

DURATA: 88 minuti

USCITA IN SALA: 18 giugno 2015

VOTO: 3,5 su 5

Cam e Maggie sono sposati e hanno due figlie, ma la loro famiglia non è come tutte le altre. Infatti Cam soffre di disturbo bipolare, che lo porta a fare scenate strampalate quando meno te lo aspetti e a perdere il lavoro senza la minima preoccupazione, motivi che spingono Maggie ad allontanarsi. Sopravvivono grazie al piccolo sostentamento che gli viene passato dalla ricca famiglia di lui. Ma Maggie vuole un futuro raggiante per le sue figlie, così decide di iscriversi alla Columbia University a New York, ma non potendo portare con sé le piccole, decide di affidarle al marito, ritenendo che vivere una routine famigliare ed avere delle serie responsabilità possa aiutarlo a ritrovare benessere e stabilità.

In Teneramente folle, prima di tutto e tutti, c’è Mark Ruffalo, lui che domina lo schermo in tutta la sua grandezza, mostrando, ossimoricamente, la debolezza del suo personaggio con grande forza e dolcezza. Una prova incredibile, che sempre più dimostra quanto questo attore sia protagonista e non spalla. Eccellente interpretazione che fin dalla prima scena coinvolge e sconvolge lo spettatore, senza mancare di divertirlo nonostante la serietà del tema.

Ruffalo interpreta un uomo stretto nella morsa del suo disturbo bipolare, o polare, come dice la figlia minore e come suggerisce il titolo originale, Infinitely Polar Bear; è un padre tenero e duro, incoerente e amorevole, imbranato e contrastante, che ora è preoccupato di confezionare la più bella gonna di flamenco per la piccola Faith, ma l’attimo dopo lascia le figlie da sole a casa per ubriacarsi in un bar, distrutto dall’incombente e pesante responsabilità con cui deve vivere e con cui non ha mai fatto prima i conti. Un padre del quale vergognarsi in alcuni casi, ma che fa divertire e per fortuna “c’è sempre”, un personaggio verso il quale è impossibile non provare simpatia e tenerezza fin dall’inizio, un uomo che fa commuovere. Accanto a lui Zoe Saldana nei panni di una madre equilibrata e determinata, il perfetto opposto dell’uomo che ha sposato, che invece colleziona progetti strampalati per casa, mai portati a termine.

Il racconto è scandito col passare delle stagioni, e il materiale visivo è arricchito dall’inserimento di filmati in Super8, che conferiscono a Teneramente folle un sapore vintage e autentico. Il film è scritto e diretto da Maya Forbes e riprende la sua esperienza personale. Infatti la regista, qui al debutto dietro la macchina da presa, racconta la sua infanzia nella Boston degli anni Settanta, ed è riuscita a portare sul grande schermo un film che racconta il calore famigliare e gli ostacoli quotidiani, scanditi da emozioni forti ma mai edulcorate.

About Eleonora Materazzo 551 Articoli
"Suonala ancora, Sam"