Venezia 72, l’arte del manifesto


SIMONE MASSI DEDICA VENEZIA 72 A NASTASSJA KINSKI

Venezia 72 Insieme alla notizia che ad aprire sarà il film Everest, da pochi giorni è stato reso noto il nuovo manifesto, curato di nuovo dallo Studio Graph.X di Milano, della prossima mostra del cinema di Venezia, che si svolgerà dal 2 al 12 settembre. Ancora una volta, per la quarta, l’artista chiamato a lavorare è stato Simone Massi, che per l’occasione a scelto di omaggiare il cinema d’autore ritraendo Nastassja Kinski.

Ma chi è Simone Massi?
Nato a Pergola, classe 1970, Massi oltre ad un illustratore è pure autore di cortometraggi. Formatosi in cinema all’Istituto Statale d’Arte di Urbino dopo un inizio lavorativo come operaio, è nel campo del cinema e dell’illustrazione da quasi vent’anni, periodo in cui è stato nominato vincitore di almeno 200 premi aggiudicatisi in festival e concorsi non solo nazionali ma anche stranieri. È solito non ricorrere all’uso del computer, ma lavorare con matite, carboncini, gessi, pastelli su carta.

Oltre ad essere illustratore del manifesto di Venezia da 4 anni a questa parte, è anche l’ideatore della sigla introduttiva della mostra. Questa è basata sul montaggio di 300 disegni, rigorosamente realizzati a mano come suo solito, che citano icone del cinema italiano e internazionale, come Fellini, Truffaut, Olmi, Wenders, Dovženko Tarkovskij, per esempio.

Nel manifesto creato per Venezia 72 c’è il ritratto di una donna le cui fattezze sono un chiaro richiamo a Nastassja Kinski. L’attrice tedesca è in primo piano, mentre Jean-Pierre Léaud si scaglia sullo sfondo, in una delle scene finali de I quattrocento colpi di Truffaut.

La riconferma di Massi, come anche la sua scelta di richiamare l’icona dello scorsa edizione, tutela quella continuità nello stile che da qualche anno a questa parte va consolidandosi, creando un filo conduttore anche narrativo tra un’edizione e l’altra. Stilisticamente, la mano di Massi è riconoscibile grazie ai tratti decisi e quasi calcati e alla strisce e chiazze di colore ben definite, che conferiscono forza e possenza al soggetto.

Di certo uno stile che si discosta nettamente da quello per cui invece opta Cannes, che predilige fotografie di divi più popolari e riconoscibili anche per i meno esperti del settore. Perché se ci trovassimo davanti alle due locandine, tutti sapremo riconoscere la meravigliosa Ingrid Bergman, ma molti meno saprebbero (ri)conoscere l’altrettanto bellissima Nastassja Kinski.

About Eleonora Materazzo 551 Articoli
"Suonala ancora, Sam"