Adult World: Missing in Italy

EMMA ROBERTS ALLA RICERCA DELLA FAMA E DI SÉ STESSA

Adult world posterGENERE: commedia

DURATA: 93 minuti

VOTO: 3,5 su 5

La traumatica “entrata” nell’età adulta, la rincorsa verso il successo personale imposta dalla società odierna, mai così competitiva, la riscoperta di più giusti valori della vita: Adult World, film indipendente del 2013 che segna il debutto alla regia dell’attore lynchiano Scott Coffey (Mullholland Drive, Strade perdute), tenta di affrontare tutti questi elementi, partendo dal percorso di crescita di una sola “sperduta” ragazza, avvalendosi della sceneggiatura firmata da Andy Cochran.

La pellicola ruota quindi attorno alla figura di Amy Anderson, fresca di laurea conseguita alla Stanford University, che ambisce a far carriera come poeta letteraria. I debiti accumulati per gli anni di studio e la difficoltà a trovare un lavoro la portano però subito coi piedi per terra, vendendosi costretta a tornare a vivere a casa dei propri genitori. Adult World è il nome della libreria erotica in cui Amy riesce finalmente a trovare un impiego, come cassiera, una volta rientrata nella sua città natale. Qui fa la conoscenza del collega Alex, col quale instaura subito una complice intesa. Intanto, malgrado le delusioni patite, Amy non abbandona il proprio sogno, guardando dall’alto in basso l’ambiente di lavoro e le persone che ne fanno parte, e convince il poeta che stima da sempre, il cinico e disincantato Rat Billings, a farle da mentore, seppur con iniziale riluttanza.

Amy Anderson è interpretata da Emma Roberts, adesso star sempre più in rapida ascesa, ex Nancy Drew (2007) e attrice ricorrente in un certo cinema indipendente americano, dalla collaborazione con James Franco, che la sceglie come protagonista per il “suo” Palo Alto e per il prossimo I Am Michael, fino a 5 giorni fuori, novello Qualcuno volò sul nido del cuculo con Zach Galifianakis. Anche gli occhi di Hollywood non hanno fatto a meno di notarla, vedi il ruolo centrale nel film-evento Scream 4 del compianto Wes Craven, mentre è più che fresco il debutto televisivo in Scream Queens, il nuovo show della Fox prodotto da Ryan Murphy, che ha già, nel bene o nel male (soprattutto male), fatto parlare di sé.

Co-star della Roberts, il redivivo John Cusack nella parte dello scorbutico dispensatore di spietati insegnamenti di vita, lo scrittore Billings, che occupa una parte fondamentale nel percorso di maturazione della ragazza protagonista. Altro personaggio centrale è il collega/cotta/finto ingenuo Evan Peters, visto tra le fila degli X-Men di Bryan Singer, nel più recente capitolo della saga Giorni di un futuro passato. Dei restanti membri del cast va segnalata la presenza dello stesso regista Scott Coffey nelle vesti del proprietario della libreria che dà il nome alla pellicola.

Presentato al Tribeca Film Festival del 2013, nota manifestazione newyorchese dedicata appunto al cinema indipendente, Adult World ha potuto poi contare solo di una distribuzione limitata nell’anno successiva. Il film di Scott Coffrey intrattiene e allo stesso tempo emoziona discretamente, pur partendo da presupposti magari non del tutto originali, basta infatti dare uno sguardo al fenomeno televisivo Girls di Lena Dunham per incappare in personaggi e tematiche simili, dall’eccessiva auto-considerazione di sé stessi, tutta giovanile, al pregiudizio “urbano” per le realtà cosiddette provinciali, fino alla continua ricerca del successo nel proprio campo d’interesse e del conseguente scontro generazionale che si scatena, e così via. Eppure affrontando l’argomento col giusto sarcasmo ed una spiccata freschezza, aggiungendoci il contributo di un ottimo comparto attoriale quanto tecnico, la pellicola riesce a risultare a suo modo particolarmente onesta nel centrare i propri obiettivi prefissati.

About Gianvito Di Muro 274 Articoli
"Tutti i bambini crescono, tranne uno".