Serie Romanista: la fiction in finale al Roma Web Fest

LA SERIE “SPORTIVA” CHE STA CONQUISTANDO L’INTERNET

serieromanista1Nell’era degli youtubers, dei The Jackal e The Pills, il web è ormai pieno di giovani e propositivi filmakers, a volte addirittura “amatoriali” solo di nome, data l’elevata qualità tecnica di alcuni prodotti. Ogni anno che passa, quindi, internet diventa sempre più il campo maggiormente utilizzato dai cineasti in erba che voglio far visionare i propri prodotti, nonché piattaforma più ricca, specialmente in termini quantitativi, per chiunque è alla ricerca di qualcosa di nuovo e interessante. Aspetto ancor più rilevante per i confini “artistici” nazionali, perlopiù nei cosiddetti “livelli alti”, che troppo poco decidono di scommettere su idee moderne e coraggiose.

In tale contesto nasce così Serie Romanista, web-serie che racconta di tre giovani amici accomunati dal tifo per la squadra del cuore, ovviamente la Roma. I protagonisti condividono così la medesima fede calcistica, a fronte di differenze culturali e lavorative. Ciascuno ha infatti impieghi diversi ed altrettante ambizioni personali, senza contare le dissimili situazioni sentimentali. Eppure, malgrado le divergenze nonché le difficoltà derivanti dalla società odierna, segnata dall’incertezza cronica per il futuro di una generazione, i tre ragazzi si ritrovano ogni domenica (più i mercoledì di Champions) uniti spensieratamente dallo sport “nazionale”.

Ideata, scritta e diretta dall’attore Lorenzo Tiberia e il giornalista Leonardo Bocci, i quali figurano anche come protagonisti di fronte la macchina da presa, Serie Romanista vede poi un ricco cast di supporto. Tra questi citiamo il noto doppiatore Alessio Puccio, l’indimenticata voce dell’Harry Potter “italiano”, oltre a guest star saltuarie come l’ex-giocatore Vincent Candela, tra gli “eroi” dell’ultimo scudetto vinto dalla Roma nel 2001.

Partita quasi in sordina, la serie prodotta dalla Actual ha col tempo riscosso sempre più consensi in larga scala, malgrado sulla carta avrebbe dovuto mirare esclusivamente al pubblico, comunque neanche tanto ristretto, della capitale (e, in numeri ancor più minori, quello della “sponda” giallorossa). Serie Romanista, invece, grazie ad un’ironia evidentemente universale ed efficace, non solo può lodarsi dell’alto numero di visualizzazioni ottenute, ma ha conseguito riconoscimenti anche “ufficiali”, come la finale al Roma Web Fest, per citare giusto il traguardo più recente.

 

About Gianvito Di Muro 274 Articoli
"Tutti i bambini crescono, tranne uno".