Heart Of The Sea: Recensione Film

HEART OF THE SEA: QUANDO L’ESERCIZIO DI STILE  E’ BELLO QUANTO INUTILE

in_the_heart_of_the_seaGENERE:Drammatico

DURATA:121′

USCITA IN SALA: 3 Dicembre 2015

VOTO: 2,5 su 5

Gettarsi nelle profondità marine con l’aiuto di un occhiale 3D potrebbe essere un’esperienza eccitante. Osservare da vicino, e con la massima e precisa risoluzione, un mastodontico cetaceo che danza con grande disinvoltura in un finto oceano potrebbe sembrare incredibile, certo. O forse no?

Tutto però si presta al pubblico con grande qualità visiva. Tutto nel racconto di Nickerson (interpretato dal giovane Tom Holland e da Brendan Gleeson) sembra essere pronto per donare una grande esperienza emotiva (oltre che visiva). Tanto che il celebre scrittore Herman Melville (Ben Whishaw) è disposto ad offrire tutto ciò che ha per trarre ispirazione dal mai narrato racconto della misteriosa leggenda dell’Essex, la baleniera salpata e mai tornata, testimoniato solo dal poco sopravvissuto equipaggio. In The Heart of The Sea sarà il funesto quanto topico incontro con l’enorme e vendicativa balena bianca a cambiare le vite di questi sparuti marinai, tra cui il bello e smagrito primo ufficiale Owen Chase (il Thor Chris Hemsworth).

Ma sembra proprio che all’ impavido film di Ron Howard manchi proprio quel cuore, tanto pubblicizzato quanto esibito, per poter vivere. Il prodotto hollywoodiano (perché di altro non si tratta) è una creazione fine e senz’anima, risultato di uno studio minuzioso che sfrutta uno dei più grandi capolavori della letteratura americana, il Moby Dick di Melville per l’appunto. L’apparato tecnologico che sostiene l’ultimo film del grande artefice Howard è immenso, quasi quanto l’oceano rappresentato. Un’immensità paragonabile alla virtù registica dell’ex Beautiful Mind, che fintamente emerge. In Heart of The Sea i personaggi sono bidimensionali, la storia è scontata e l’adrenalina è appena stimolata, con enorme sforzo tra l’altro.

Insomma siamo lontani dalla grande e appassionante tensione tenuta da un impareggiabile Master and Commander, che nulla ha da invidiare a quest’ultimo e appena divertente Blockbuster infiocchettato giusto in tempo per le feste natalizie.

About Redazione Film4Life 5524 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook