Cognome e nome: Lacombe Lucien, 1974

“COGNOME E NOME: LACOMBE LUCIEN”, UN FILM DI LOUIS MALLE

61iJL4NrnyL._SL1024_

In un Nella prima scena di Cognome e nome: Lacombe Lucien si vede un ragazzo intento a pulire il pavimento di un reparto ospedaliero. Dalla radio  viene trasmesso un importante annuncio di natura politica che attira l’attenzione di tutte le persone nella sala. Il ragazzo, invece, richiamato dal cinguettio di un uccello, si avvicina alla finestra, posa la scopa al muro e individuato l’animale lo colpisce utilizzando una fionda. Il viso viene inquadrato in primo piano, l’espressione del volto rivela una leggera soddisfazione.

Il giovane si chiama Lucien Lacombe ed è un ragazzo di campagna, francese. L’anno è il 1944 e la Francia è in piena occupazione nazista. La madre di Lucien gestisce con difficoltà una fattoria, mentre il padre è prigioniero dei tedeschi. Lucien è, quindi, costretto a lavorare come inserviente in una casa di riposo per anziani e il poco che guadagna lo dà alla madre. In cerca di una via di scampo dalla misera condizione di vita in cui si trova, tenta di entrare nel movimento armato di resistenza francese ma viene scartato a causa della sua giovane età.

Successivamente, come risultato di una serie di eventi accidentali, entra a far parte del ramo francese della polizia tedesca. Quest’ultima gli fornisce soldi, bei vestiti ed armi e lui diventa rapidamente un vero e proprio delinquente, aggressivo ed arrogante. Durante la sua attività Lucien incontra France Horn, figlia di un ebreo scappato da Parigi per trovare rifugio in campagna. Affascinato dalla ragazza, Lucien si presenta più volte prepotentemente a casa sua. Tra i due si crea una relazione ambigua. France, infatti, odia Lucien in quanto membro della Gestapo, ma non riesce a frenare i suoi naturali desideri nei confronti del giovane ragazzo.

La guerra, però, è ormai al termine ed è chiaro a tutti che la Germania ne uscirà sconfitta. Lucien ha un carattere del tutto apolitico, non ha alcuna opinione riguardo alla situazione che lo circonda. E’ diventato membro della Gestapo ingenuamente e quasi inconsapevolmente, solo perché spinto da un sentimento di rivincita nei confronti del nuovo amante della madre che l’ha praticamente buttato fuori di casa, della resistenza che non lo ha voluto accettare e del suo vecchio e insoddisfacente lavoro.  Ciò nonostante, alla fine anche Lucien dovrà drammaticamente assumersi le proprie responsabilità.

Cognome e nome: Lacombe Lucien è un film del 1974 diretto da Louis Malle. Pur non facendone realmente parte, il regista è stato spesso associato al movimento cinematografico francese della Nouvelle Vague. I suoi film, come le opere dei registi di tale movimento, furono innovativi e di forte impatto. Il regista rappresentava storie scioccanti, i personaggi erano autentici e i temi sviluppati delicati e ambigui. I suoi lavori echeggiano ancora per la loro audacia ed onestà.

Malle si è fatto conoscere nel mondo del cinema con il suo primo film Ascensore per il patibolo, un classico del genere noir. Poi è riuscito nell’indubbiamente difficile compito di adattare il libro di Raymond Queneau, Zazie nel metrò, realizzando una commedia intelligente ed estremamente originale. Ha impressionato il pubblico dell’epoca con film dalla forte natura sensuale come Gli amanti  e Vita privata. Ne ha scosso gli animi con il ritratto di un uomo alienato, alcolizzato, e suicida in Fuoco fatuo. Ha poi illustrato con sensibilità come l’innocenza dei più giovani entri drammaticamente in contatto con il mondo corrotto degli adulti in Un soffio al cuore e Arrivederci ragazzi.

Cognome e nome: Lacombe Lucien può essere associato agli ultimi due film citati. Lucien è un ragazzo ingenuo e incolto che si trova per caso a diventare il personaggio in una storia di cui ignora la vera natura. Assume il ruolo che gli è stato dato e lo ricopre senza troppi dubbi o riflessioni. Ed è proprio in questo che consiste la vera provocazione del film. Ossia la naturale innocenza del personaggio a messa a confronto con la bestialità del suo comportamento.Uno dei maggiori capolavori del maestro del cinema francese.

About Redazione Film4Life 5524 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook