Fellini: riprese, letture, (re)visioni

IL FRUTTO DEGLI STUDI SU FELLINI ESPOSTI A TORONTO NEL 2013

Federico Fellini atti del convegno“La competenza dei relatori era una gioia per la mente”, ha dichiarato il critico cinematografico Vincenzo Mollica riguardo le tre giornate di studi e celebrazioni sul tema Fellini: a disorderly and passionate genius of italian cinema, che si sono tenuti presso l’Università di Toronto dal 17 al 19 ottobre 2013.

Oggi quell’esperienza è alla portata di tutti grazie ad un libro edito Franco Cesati dal titolo Federico Fellini, Riprese, riletture, (re)visioni, disponibile in libreria, e di cui Mollica ha curato la prefazione.

In occasione del convegno, tenutosi a vent’anni dalla scomparsa del regista,  studiosi italiani e stranieri di storia del cinema, di musicologia, di critica letteraria e di filologia si sono dati appuntamento a Toronto per discutere sulla natura interdisciplinare dell’opera di Fellini, offrendo contributi di natura scientifica e rigorose analisi filmiche, ma anche condividendo aneddoti personali e ripercorrendo insieme la carriera del regista.

I premi Oscar vinti, più uno alla carriera conferitogli nel 1993, sono solo alcuni dei riconoscimenti che hanno glorificato i suoi lavori. Si uniscono a questi infatti anche il Leone d’Oro alla carriera della Mostra del Cinema di Venezia e la Palma d’Oro al Festival di Cannes. Eppure, nonostante l’incontrastato successo planetario raggiunto nell’ambito cinematografico, i suoi primi amori sono il giornalismo e la satira; inizia poi a disegnare vignette fino all’incontro che gli cambiò la vita, quello con Roberto Rossellini.

Dopo i primi lavori da regista , il vero grande successo internazionale arriva con La Strada del 1954, e continua con Il Bidone, Le Notti di Cabiria, La Dolce Vita, 8½ (perché giunto dopo sette suoi lavori più mezzo, vale l’episodio de Le Tentazioni del Dottor Antonio). Tocca poi ai film a colori, come Giulietta degli SpritiI Clowns, Roma, Amarcord, e via fino all’ultima opera cinematografica, La Voce della Luna del 1990.

Fellini è uno dei maggiori registi di tutti i tempi, che ancora con il suo stile visionario e poetico riesce a far commuovere e appassionare al suo intramontabile cinema gli spettatori delle nuove generazioni. Le immagini dei suoi film si confermano patrimonio culturale del nostro Paese e una preziosa testimonianza del valore artistico del suo genio e del contributo essenziale dei suoi collaboratori storici come Giulietta Masina, Nino Rota e Marcello Mastroianni.

Per conoscere a fondo il suo genio visionario, aneddoti, vicende personali, incontri e i metodi usati per mettere in scena determinate situazioni, in altre parole la sua vita ma soprattutto il suo processo creativo, il tutto raccontato direttamente dalla penna e dalla memoria dello stesso Federico Fellini, consigliamo anche la lettura di Fare un film, che si apre con l’Autobiografia di uno spettatore di Italo Calvino.

 

About Eleonora Materazzo 548 Articoli
"Suonala ancora, Sam"