Kes, 1969

David Bradley in Ken Loach's KES (1970). Courtesy Park Circus Films. Playing February 27 - March 5.

CINEMA DI IERI PRESENTA “KES” DI KEN LOACH


SILVERKESweb_o_900

Nel corso di una carriera lunga decenni, Ken Loach si è reso l’autore di una mole di lavoro che non ha eguali nel cinema e nella televisione mondiali. I suoi film sono un trionfo di umanità ed interesse sociale. Nipote di un operaio e figlio di un elettricista, i suoi lavori hanno come protagonisti le classi sociali meno favorite. I suoi film denunciano ingiustizie sociali e politiche, rivendicano i diritti dei lavoratori e mostrano come questi ultimi possano sfidare il potere e resistere alla loro oppressione. Kes, realizzato nel 1969, è probabilmente il suo film più noto ed amato.

La storia è ambientata nel nord dell’Inghilterra, nella regione dello Yorkshire. Billy è un gracile quindicenne che abita nella città mineraria di Brinsley. La sua vita è piuttosto vuota. Consegna i giornali la mattina, poi va a scuola prima di tornare a casa da una madre single e un fratello minatore, disposto a sfogare le proprie frustrazioni su chiunque gli capiti a tiro. Non ha nulla da attendersi dal futuro.

Ma ecco che incontra Kes. Kes è un gheppio, Billy lo prende con sé e decide di addestrarlo. Il ragazzo rimane affascinato dal carattere fiero ed indipendente del volatile. Per lui, Kes rappresenta la speranza. Una fuga dalla propria realtà.

Kes, come ogni lavoro del regista britannico, manifesta chiaramente la sua natura sociale e politica. Gli operai che lavoravano nella regione dello Yorkshire negli anni in cui il film è stato girato facevano parte della fascia di lavoratori meno retribuiti tra i paesi sviluppati. La povertà del luogo è facilmente percepibile. Per quanto riguarda Billy, all’età di quindici anni, deve ancora dividere il letto con suo fratello, molto più grande di lui. Non si può nemmeno permettere il completo da sport per l’ora di ginnastica. E di comprare un libro neanche a parlarne, è necessario rubarlo.

In una condizione di estrema povertà, infatti, la cultura e l’educazione sono le prime cose ad essere trascurate. La conseguenza è, quindi, uno stato di ignoranza generale che porta ad una minor tolleranza. Questa situazione ricadrà completamente su Billy, senza che lui ne abbia la minima colpa. Il ragazzo, spinto da una vitalità assente nei suoi coetanei o parenti, cerca di aggrapparsi disperatamente a qualcosa che lo allontani dalla realtà in cui si trova.

Ma nel suo ambiente non si possono avere eccentricità, né ambizioni, è inutile cercare qualcosa di migliore. E’ circondato da persone che hanno accettato la loro condizione e si impegnano affinché Billy faccia lo stesso. L’addestramento di Kes è, a suo modo, un vero e proprio atto di rivolta verso la società. Però, non compreso dai suoi conterranei, il ragazzo finirà per entrarvi in conflitto.

Il film è stato girato interamente nella regione dello Yorkshire, utilizzando un budget minimo. Gli attori si distinguono tra semiprofessionisti e residenti del luogo. A caratterizzare i dialoghi è, infatti, l’accento stretto della regione inglese (forse una delle cause del mancato successo della pellicole negli Stati Uniti, dove il pubblico avrebbe potuto avere difficoltà a comprenderne i dialoghi). Il tutto dona una maggiore autenticità ed un apparenza quasi documentaristica alla pellicola.

Kes è un toccante dramma che ha come protagonista un giovane ragazzo che lotta per definire sé stesso alle proprie condizioni. La sua miscela di comicità pungente e di tragedia, l’hanno reso uno dei film più amati ed influenti del regista. Si tratta di un classico del cinema socialmente impegnato ed uno dei migliori film britannici di sempre.


About Redazione Film4Life 5535 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook