Desconocido, Race e La Comune al cinema

CONSIGLI DOC: DANI LA TORRE, JESSE OWENS, THOMAS VINTERBERG E MARCO MAZZOLI…TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE IN SALA

Arriva quel momento ad inizio primavera che si sente intenso il profumo del nuovo. Stagione cambiata, anno diverso, distribuzioni più raffinate. Difficile oggigiorno essere in coda davanti ad un cinema, magari solo durante grandi eventi come fu Avatar, ma allo stesso tempo meglio così, ci permette di scegliere un film con maggiore attenzione e non il solito blockbuster trasmesso in 70 milioni di sale. Leggere per credere i nostri #ConsigliDOC che spaziano dalla Spagna alla Germania nazista, dalla Svezia fino alla Milano da bere, oggi più che mai un’interessante selezione di film da gustare…

 

DESCONOCIDO: LA RESA DEI CONTI

Desconocido – Resa dei conti ha un gran valore, che non risiede solo nella regia di de La Torre, all’esordio con un il suo primo lungometraggio, ma soprattutto nelle interpretazioni. Se da una parte il regista riesce a creare un prodotto che ci rende totalmente partecipi del terrore quanto del nervosismo di cui soffrono i malcapitati fuori e dentro dall’auto, dall’altro sono propri gli attori ad avere il maggior merito della buona riuscita del lungometraggio, non a caso tre premi Goya.

 

RACE: IL COLORE DELLA VITTORIA

ace mostra appieno l’insensatezza delle leggi razziali e di quanto fossero radicate nel senso comune americano, dipingendo uno stato che inorridisce e mette ai voti il boicottaggio dei Giochi Olimpici per le leggi razziali di Hitler mentre il proprio statuto presenta leggi che distinguono i propri cittadini dal colore della pelle. La storia narrata dal regista Stephen Hopkins si concentra negli anni determinanti per la carriera di Owens, mostrando anche il lato più umano della vicenda, rappresentato dall’amicizia dell’atleta conLarry Snyder, Jason Sudeikis, il proprio allenatore all’Ohio State University, un uomo indurito dalla vita e dalle scelte sbagliate che lo hanno portato a infortunarsi poco prima della partenza per i Giochi Olimpici di Parigi del 1924.

 

LA COMUNE

1975. Una famiglia composta da tre persone, padre, madre e figlia adolescente. La madre, mezzobusto del tg danese, propone al padre, professore di architettura, di non vendere una grande casa ricevuta in eredità, ma di condividerla con altre persone, dando vita ad una vita “in comune”.  Parte da qui la storia narrata da “la comune”, il film diThomas Vinterberg (regista di Festen e Il Sospetto, co-fondatore del movimento, ormai superato, Dogma95 con Lars von Trier) presentato alla Berlinale 2016, in cui  Tryne Dyrholm che per la sua interpretazione ha ricevuto – meritatissimo –  l’Orso d’Argento come migliore attrice, nelle sale italiane dal 31 marzo.

 

Infine, ON AIR: STORIA DI UN SUCCESSO

Arriva finalmente al cinema il film dello Zoo di 105! In un’alternanza di racconti del passato e del presente del conduttore di Radio 105 Marco Mazzoli rivivremo quella che simboleggia la grande avventura della vita; un’avventura fatta di vittorie ma anche di tante amarezze e sconfitte. Si susseguiranno episodi d’amori perduti e poi ritrovati, amicizie iniziate e poi finite, tradimenti, furti, licenziamenti, denunce e tante umiliazioni che però, alla fine, porteranno al coronamento di un sogno, ciò che tutti cercano. La propria realizzazione personale.

About Simone Bracci 277 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website