Alieni in versione animata

ALCUNI ESEMPI DI FILM D’ANIMAZIONE CHE HANNO PORTATO GLI ALIENI IN SALA, PRIMA DEL NUOVO FUGA DAL PIANETA TERRA

Fuga dal pianeta Terra Che vi piacciano o no, che crediate o meno alla loro esistenza, non potete negare che il tema degli alieni sia uno dei più gettonati e apprezzati in campo cinematografico. Da viaggi interstellari a contatti tra abitanti di diversi pianeti, non senza qualche guerra nel mezzo o pacifiche convivenze, il cinema ci regala ogni anno diverse pellicole che hanno per protagonisti i nostri vicini della galassia accanto.

Il campo dell’animazione non è da meno, e anzi si sta spingendo sempre più su quel versante lasciando da parte principesse e ranocchi, non solo con serie animate come Futurama, ma anche con lungometraggi. Ne è un esempio l’uscita dell’ennesimo film a tema, Fuga dal pianeta Terra, ultimo prodotto nel campo fantascientifico d’animazione, in sala dal 28 aprile. Opera firmata Cal Brunker, che annovera nel cast Jessica Alba, Brendan Fraser e Sarah Jessica Parker, ha per protagonista il più famoso viaggiatore spaziale del Pianeta Baab, Scorch Supernova, il responsabile delle missioni della BASA insieme al fratello Gary. Un giorno viene intercettata una richiesta di aiuto dal Pianeta Oscuro, a cui Scorch non si sottrae, nonostante questo abbia la fama di essere un mondo pericoloso posto ai limiti dell’universo, conosciuto anche come Terra.

Prima di questo titolo ha avuto molti consensi positivi lo scorso anno Home, prodotto dalla Dreamworks, in cui una razza di alieni tanto carini quanto sbadatamente divertenti e comici occupava la terra per scappare da un essere minaccioso che dava loro la caccia. Un film che punta tutto sui temi di diversità e unione in nome di accoglienza e accettazione: insomma, casa non è dove nasci, ma stai bene. Un punto in più per il cast vocale capeggiato da Rihanna, che ha firmato 12 tracce per un il concept album sound track del film.

Nel 2010 debuttava il più fallito dei supercattivi, Megamind. Nato da un pianeta lontano e daGinormica Mostri contro Alieni sempre in lotta col supereroe Metro Man, quando si ritrova senza il nemico di sempre decide di crearne uno nuovo con cui scontrarsi. Il film focalizza l’attenzione sul rapporto tra bene e male, qui visto da un’inedito punto di vista: cosa succede ad uno se l’altro viene a mancare? L’anno prima, invece, era stato Mostri contro Alieni a portare il confronto tra bene e male, terrestri (anche se geneticamente modificati) e non, sul grande schermo. Il film getta un occhio alla fantascienza degli anni Cinquanta e uno alle tecnologie odierne, in quanto pensato per essere visto in 3D.

Ma se la Dreamworks ha più volte battuto il campo, in pochi, anzi rari casi la Disney lo ha esplorato: si ricorda per esempio la presenza dei piccoli extraterrestri verdi in Toy Story, oppure il corto Pixar Lifted, in cui un alieno impacciato prova a rapire un umano con scarsi risultati. Anche il lungometraggio Wall-E è a tema fantascientifico, e racconta il viaggio spaziale dell’umanità in fuga da un mondo distrutto, che però non porta gli uomini a confrontarsi con altre forme di esseri viventi, ma a vagare in solitudine per anni e anni in attesa di un messaggio di ripresa dalla Terra, prontamente veicolato e deviato dalle macchine, uniche regolatrici della loro nuova vita (con una citazione non da poco, quella di 2001: odissea nello spazio).

Ma nel cuore di tutti è rimasta la tenera storia dell’incontro tra una bambina e uno strano “cane”. In Lilo e Switch il contatto tra diverse specie è centrale e affronta il tema della convivenza pacifica, del rispetto e della tolleranza, da cui nasce, perché no, un’amicizia che può diventare tanto forte e indissolubile da consolidarsi in vero e proprio legame famigliare.

 

About Eleonora Materazzo 569 Articoli
"Drama is life with the dull bits cut out"