Consigli DOC: Pericle e Clooney

CONSIGLI DOC SI DIVIDONO TRA MONEY MONSTER E PERICLE IL NERO, INVECE VOTO NEGATIVO PER THE BOY

Diamo uno guardo ai film in uscita e l’occhio ci cade subito su alcune proposte differenti dal solito. Oggi Consigli DOC vi suggerisce due film e vi mette in guardia sul terzo, passando dall’ultima regia di Jodie Foster in versione Quinto Potere, finendo in Belgio insieme a Riccardo Scamarcio. Poi ci sarebbe un horror potenzialmente interessante, potenzialmente appunto…

 

MONEY MONSTER (voto 4 su 5)

In Money Monster – L’altra faccia del denaro, George Clooney e Julia Roberts vestono rispettivamente il ruolo del presentatore televisivo finanziario Lee Gates e della sua produttrice Patty che si trovano in una situazione d’emergenza assoluta quando un investitore, infuriato per aver perso tutto a causa di un investimento suggerito dal programma, sequestra il presentatore nello studio televisivo con l’uso delle armi. Durante una diretta seguita da milioni di persone, Lee e Patty lottano furiosamente contro il tempo per svelare cosa si nasconde dietro una cospirazione all’interno del mercato dell’alta tecnologia globale odierno che viaggia a velocità della luce.

 

PERICLE IL NERO

Pericle Scalzone, detto Il nero, di lavoro “fa il culo alla gente” per conto di Don Luigi, boss camorrista emigrato in Belgio. Durante una spedizione punitiva per conto del boss, Pericle commette un grave errore. Scatta la sua condanna a morte. In una rocambolesca fuga che lo porterà fino in Francia, Pericle incontra Anastasia, che lo accoglie senza giudicarlo e gli mostra la possibilità di una nuova esistenza. Ma Pericle il nero non può sfuggire a un passato ingombrante e pieno di interrogativi.

 

THE BOY (voto 2,5 su 5)

n principio c’era Chucky, la bambola assassina che terrorizzava chiunque si metteva in mezzo. Negli ultimi anni è apparsa Annabelle, la bambola di pezza posseduta dal male che ha interessato un caso (reale) dei coniugi Warren, investigatori del paranormale negli anni settanta. Con The Boy ritorna in scena la paura per le bambole, facendo rivivere i nostri incubi peggiori. L’idea di un oggetto inanimato con occhi di plastica che ci fissasse, ha sempre affascinato l’immaginario del cinema sovrannaturale. Peccato che il film diretto da William Brent Bell (Stay Alive, L’Altra Faccia del Diavolo) non possegga niente di tutto ciò. Brahms non spaventa come dovrebbe, o neanche inquieta minimamente. La bambola di porcellana resta lì, letteralmente ferma, senza donare neanche quella tensione emotiva tipica dell’horror.

 

About Simone Bracci 277 Articoli
Alla ricerca estrema dell'originalità, quel talento nascosto che il cinema porta a galla con classe ed eleganza d'autore.
Contact: Website