I 75 anni dell’elefantino Dumbo

L’ELEFANTINO VOLANTE NATO IN CASA DISNEY FESTEGGIA IN QUESTI GIORNI 75 ANNI: ECCO CURIOSITÀ E PROGETTI FUTURI NEL NOME DI DUMBO

dumbo Una montagna di candeline da spegnere, quest’anno, per l’elefantino volante che ha segnato l’infanzia di intere generazioni: era il 1941, infatti, quando debuttava nelle sale americane Dumbo.

Il quarto classico d’animazione Disney, diretto da un gruppo di registi capeggiati da Ben Sharpsteen e prodotto dalla Disney, è tratto da una storia di Helen Aberson, illustrata da Harold Pearl. Il protagonista è un cucciolo di elefante portato alla madre da una cicogna, ma che dopo un’iniziale calorosa accoglienza viene ridicolizzato a causa delle sue grandi orecchie. Per la serie “non tutti i mali vengono per nuocere”, Dumbo inizia a sfruttare il potenziale di questo difetto unico, imparando a volare utilizzando le orecchie al posto delle ali.

Il film fu prodotto con un budget nettamente inferiore rispetto al normale, necessità dettata soprattutto dalle perdite subite dalla Disney dal flop di Fantasia. Nonostante ciò il successo fu immediato: il pubblico adorò subito la toccante storia di questo elefantino sottovalutato e deriso che si riscatta e si prende la sua rivincita non perdendo la fiducia in sé stesso e mostrando come i nostri difetti possono valorizzarci.

Una storia di diversità e rispetto, di incondizionato amore madre-figlio, di rivincita ma non rancore, grazie a cui il film vinse addirittura due importanti riconoscimenti: l’Oscar per la Miglior colonna sonora e il premio per il Miglior disegno animato a Cannes.

Le musiche rimangono uno degli elementi indimenticabili di Dumbo, soprattutto nella versione italiana che vanta gli adattamenti del Quartetto Cetra (che molti giovani hanno purtroppo, ahimè, scoperto solo recentemente grazie alla serie tv Breaking Bad). E allo stesso modo il film ha lanciato modi di dire ancora usati oggi, come il “vedere gli elefanti rosa” quando si è ubriachi.

Per conoscere altre curiosità rimandiamo all’infografica gentilmente fornita dagli amici di StampaPrint, e nell’attesa di conoscere maggiori news sul live action promesso per il 2017 da Tim Burton, non possiamo non rivedere questo commovente lungometraggio d’animazione col quale siamo diventati grandi.

About Eleonora Materazzo 550 Articoli
"Suonala ancora, Sam"