Santa Clarita Diet: first look

ABBIAMO DATO UN’OCCHIATA ALLA NUOVA COMEDY SANTA CLARITA DIET. NETFLIX COLPISCE ANCORA O È SOLO APPARENZA?

santa-clarita-diet-drew-barrymore

Venerdì 3 febbraio è stata rilasciata da Netflix la prima stagione completa di Santa Clarita Diet, la serie originale del servizio di video streaming che vede come interpreti principali Drew Barrymore e Timothy Olyphant. Joel (Timothy Olyphant) e Sheila (Drew Barrymore) sono marito e moglie, due agenti immobiliari che conducono una vita vagamente insoddisfacente nel sobborgo di Santa Clarita a Los Angeles con la loro figlia adolescente Abby (Liv Hewson). Questo fino a quando Sheila non attraversa un drastico cambiamento, portando tutta la famiglia lungo una percorso di morte e distruzione… in senso buono!

La comedy single-camera, però, nasconde un segreto riguardante la protagonista femminile: il personaggio di Sheila si nutre di persone. Dopo la sua morte e rinascita, lei e il marito dovranno collaborare per cercare di tenere a freno i suoi desideri “alimentari”. I produttori esecutivi della serie sono Victor Fresco, anche showrunner della serie, gli stessi Drew Barrymore e Timothy Olyphant, Aaron Kaplan, Trace Katsky, Chris Miller e Ember Truesdell, mentre il produttore è Nancy Juvonen. Santa Clarita Diet è una produzione Kapital Entertainment di Aaron Kaplan, KatCo e Flower Films.

Netflix colpisce ancora o è solo apparenza? È questo che ci chiediamo dopo aver visto l’intera stagione di Santa Clarita Diet perchè, se inizialmente il progetto sembra avere un impatto positivo e soddisfacente sul telefilm addicted amante delle comedy, in seguito la serie prende una piega troppo surreale: il susseguirsi di eventi sembra perdere nel tempo quella logica (e sobrietà) che lo aveva caratterizzato nei primi episodi. Sappiamo bene che in una comedy è fondamentale la capacità degli attori di suscitare nel pubblico grosse risate, ma il problema in cui sono caduti i produttori del progetto è l’esagerazione.

santa clarita dietI primi episodi sono molto equilibrati e comicità, tensione e una buona dose di carica esplosiva riescono a trasportare lo spettatore in un mondo originale, pieno di trovate interessanti e ottimi tempi di battuta. Una comicità così ben gestita che anche le scene più macabre e inquietanti (vi assicuriamo che ne vedrete davvero delle belle), quelle volute per aggiungere una buona dose di scene splatter che potrebbero lasciare sgomento il pubblico, risultano divertenti.

L’interpretazione degli attori protagonisti – Drew Barrymore e Timothy Olyphant – è convincente, anche più di quello che ci potessimo aspettare. Una recitazione naturale, dove l’espressività ha un ruolo predominante. L’unica pecca è, appunto, il fatto di volere aggiungere nuove situazioni, innescare nuovi meccanismi, che potevano essere evitate, perchè già di per sé l’idea di fondo era molto forte e innovativa.

Il progetto si erge su una sceneggiatura ottima che, nonostante presenti delle lievi mancanze (quelle sopracitate per intenderci), pone lo spettatore davanti a dialoghi ben scritti e, spesso, volti a far riflettere il cosiddetto serializzato: tra i temi emerge su tutti l’istinto protettivo di una donna nei confronti della figlia e del marito, ma anche l’importanza della famiglia e dell’unione e della fiducia reciproca tra i suoi componenti. Possiamo definire il progetto un mix tra comedy, splatter leggero, crime e drama che ha in sé tutti gli elementi necessari per ottenere il rinnovo per una seconda stagione.

About Redazione Film4Life 5523 Articoli
Film 4 Life è una web magazine costituita da una redazione giovane e dinamica che si occupa di promozione, diffusione e comunicazione del cinema.
Contact: Facebook