Jack Nicholson è Randle McMurphy

JACK NICHOLSON VINCE IL SUO PRIMO OSCAR GRAZIE ALLA SUA INCREDIBILE PERFORMANCE IN QUALCUNO VOLO’ SUL NIDO DEL CUCULO

JACK NICHOLSON 3Jack Nicholson rientra senza alcun dubbio nella lista dei più grandi attori di Hollywood con una carriera che abbraccia oltre mezzo secolo e con tantissimi ruoli degni di nota. L’attore ha collezionato ben dodici nomination agli Oscar, vincendo tre statuette.

Ma la sua performance più memorabile è sicuramente quella data in Qualcuno volò sul nido del cuculo di Milos Forman in cui interpreta Randle McMurphy, un paziente psichiatrico.

Basato sull’omonimo romanzo scritto da Ken Kesey e pubblicato nel 1962, il film racconta il disagio presente negli istituti psichiatrici, denunciando le condizioni spesso disumane in cui i pazienti erano costretti a vivere, relegati a semplici casi clinici.

Nel 1963 Randle McMurphy arriva all’ospedale psichiatrico di Stato di Salem, dove dovrà essere trattenuto per un breve periodo per essere valutato. Sebbene sappia di essere sotto stretta osservazione, l’uomo non si uniforma alle rigide regole di disciplina imposte a tutti i pazienti, rifiutandosi anche di prendere le sue medicine.

L’atteggiamento di Randle suscita le antipatie della caporeparto, la signora Ratched (Louise Fletcher), ma al tempo stesso gli fa ottenere la stima e l’ammirazione degli altri degenti, come il giovane e introverso Billy Bibbit (Brad Dourif), che grazie a lui trova fiducia in se stesso e smette di balbettare.

Un giorno Randle riesce a impossessarsi del pullman con cui a volte vengono portati in città i pazienti meno gravi e organizza una battuta di pesca, spacciando sé e gli altri per medici dell’istituto. L’uomo stringe un rapporto d’amicizia anche con Bromden (Will Sampson), un paziente nativo americano, che per avere meno problemi si finge sordomuto.

Pian piano grazie a Randle, gli altri si rendono conto che non sono soltanto casi clinici, ma anche persone e che, come tali, meritano di essere rispettate. Nel frattempo, l’uomo scopre che alla scadenza dei suoi sessantotto giorni non potrà lasciare l’istituto come aveva immaginato e decide di tentare la fuga verso il Canada insieme a Bromden, che aveva sempre avuto paura del mondo esterno.

JACK NICHOLSONPer festeggiare il loro prossimo tentativo di evasione, organizzano una festa d’addio, ma l’ubriachezza vanifica le loro intenzioni e la mattina seguente la signora Ratched scorge Randle e gli altri addormentati sul pavimento. La sorte peggiore sarà quella di Billy, che dopo essere stato trovato a letto insieme a una prostituta preferisce suicidarsi piuttosto che affrontare le conseguenze delle sue azioni.

Randle si scaglia contro la caporeparto, ritenendola la diretta responsabile del gesto, ma viene immobilizzato e sottoposto a lobotomia al fine di curarne l’aggressività. Quando Bromden vede il suo amico ormai ridotto alla stregua di un vegetale, lo soffoca con un cuscino per risparmiargli ulteriori sofferenze, dopodiché scappa attraverso una finestra, scegliendo finalmente la libertà.

Inizialmente il ruolo di Randle McMurphy avrebbe dovuto essere interpretato da Kirk Douglas, però suo figlio lo ritenne ormai troppo vecchio per la parte. Si pensò anche a James Caan, Marlon Brando e Gene Hackman, prima di assegnare il ruolo a Jack Nicholson, che aveva proprio la stessa età del vero Randle McMurphy, trentotto anni. Questa sensazionale interpretazione valse a Jack Nicholson la quinta nomination agli Oscar e la sua prima vittoria come migliore attore protagonista, oltre che un Golden Globe e un Bafta nel 1976.

About Valentina Mordini 208 Articoli
"La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita".