Sognare a passi di danza in un contesto industriale, tre film sul ballo

DUE CITTÀ INDUSTRIALI E TRE ATTRICI PER VIVERE IL SOGNO DI RIVALSA A PASSO DI DANZA

Che cos hanno in comune Chicago e Pittsbourgh? Due realtà industriali importanti degli Stati Uniti che sono anche lo sfondo delle storie di Alex Owens, diciottenne saldatrice, Sara, una ragazza che perde la madre e torna a vivere con il padre, e Lauryn Kirk, contabile dell’officina gestita dal fratello.
Chi sono queste ragazze? Sono rispettivamente le protagoniste di Flashdance, Save the last dance e Ballare per un sogno. E, come si capisce dai titoli, le tre ragazze hanno un sogno che condividono: entrare a far parte di una scuola di danza.
Così, il loro sogno di danzare con i ballerini delle più famose compagne di balletto degli Stati Uniti diventa un’escamotage per raccontare un sogno di rivalsa dalle condizioni economiche e sociali in cui vivono.

FlashdanceAgli inizi  degli anni ’80 esce Flashdance, titolo con cui l’attrice Jennifer Beals conquista la fama internazionale. Alex è una ragazza diciottenne che vive a Pittsbourgh e lavora come saldatrice, di giorno, e di notte si sveste ballando sul palco di un locale di burlesque. Ciò che sogna è poter entrare a far parte della scuola di danza e diventare una ballerina professionista.
Sebbene faccia due lavori, non si può permettere lezioni di danza e così tutto ciò che sa della danza l’ha imparato dai libri e osservando i vari ballerini presenti agli angoli delle strade. Sentendosi impreparata e fuori luogo in un posto raffinato come la scuola di danza, rinuncia al provino fino a quando la morte di una persona a lei cara le darà la giusta spinta per riprovare ad affrontare la selezione.
Sebbene il film sia stato stroncato dalla critica, la scena del provino finale sulle note di What a feeling  è diventata una scena cult, tanto da essere ripresa in vari videoclip e nel film Caro diario di Nanni Moretti, il protagonista afferma che ha sempre desiderato di saper ballare bene e che il film Flashdance gli ha cambiato la vita.

Nel 2001, invece, esce Save the last DanceJulia Stiles è Sara, una ragazza che dopo la morte della madre, avvenuta mentre lei stava facendo il provino per entrare alla Juliard, si trasferisce dal padre a Chicago. Legando la danza ha un avvenimento così doloroso, Sara decide che non ballerà mai più. Ma l’ambiente in cui si ritrova a vivere a Chicago, costituito prevalentemente da ragazzi afroamericani, la catapulterà nel mondo dell’hip hop e le riporterà la voglia di ballare e a riprovare il provino alla Juliard.
In questo film la danza è un modo per ritrovare la serenità e anche un modo per mettere a confronto due visioni del mondo, quello più positivo di un gruppo sociale predominante, costituito dall’etnia caucasica, e quello più svantaggiato costituito dagli afroamericani.

Il terzo film, Ballare per un sogno potrebbe esser definito un tributo a Flashdance, a iniziare dal titolo originale Make it Happen, un verso della canzone What a feeling (Take your passion/And make it happen).
Lauryn, interpretata da Mary Elizabeth Winstead, lascia la sua città natale e si trasferisce a Chicago per entrare a far parte dell’accademia musicale e di danza. Scartata al provino, lotta per il suo sogno rimanendo nella grande città e lavorando dapprima come contabile di un locale di burlesque e poi esibendosi sul palco. Un altro ammiccamento al film degli anni ’80 lo si trova durante uno dei numeri di burlesque della protagonista, dove spuntano un vestito gessato e una sedia, come in una delle prime scene di ballo in Flashdance.
Inoltre, come Alex, Lauryn porta all’audizione per entrare nella scuola di danza una coreografia che presenta diversi stili.

About Angela Parolin 158 Articoli
"Okay...we have to dance it out"