Oscar 2019: i pronostici

ACADEMY AWARDS 2019: È ARRIVATO IL MOMENTO DEL TOTO OSCAR 

oscarCome ogni anno, a pochi giorni dalla consegna delle ambite statuette, ci lanciamo nei nostri pronostici Oscar, tra previsioni e preferenze. Mai come in questa edizione la sfida a miglior film è ancora totalmente aperta. Ogni premiazione che ha preceduto gli Academy Awards ha visto prevalere un film diverso: Black Panther ai SAG, Green Book ai PGA, Roma ai DGA, senza sottovalutare la vittoria di Bohemian Rhapsody ai Golden Globes. A Star is Born, film che all’inizio sembrava favorito, ha perso terreno (la mancata nomina a Bradley Cooper come regista è un chiaro segnale). Ognuno di questi ha i suoi sostenitori e detrattori, ma noi puntiamo su Green Book come miglior film e Alfonso Cuarón come miglior regista per Roma.

C’è chi non vede di buon occhio che Netflix sia arrivato a competere con le grandi e una vittoria come miglior film potrebbe creare malcontento tra coloro i quali rimangono ancorati ad un’idea di major ormai obsoleta. Tuttavia Cuarón ha realizzato un film talmente personale che il premio alla regia potrebbe metter d’accordo tutti. Ma non la miglior fotografia. Benché il cineasta messicano abbia praticamente fatto tutto da solo in Roma, prevediamo che l’Oscar vada a Łukasz Żal, direttore della fotografia di un altro film in bianco e nero, Cold War. La miglior regia a Cuarón lascerebbe l’amaro in bocca a Spike Lee, il quale merita un Oscar da tempo (quello onorario non conta). Lee porterà a casa quasi sicuramente la miglior sceneggiatura non originale.

Veniamo alle star. Mentre per miglior attore non protagonista è ormai scontata la vittoria di Mahershala Ali in Green Book, così come quella di Rami Malek come protagonista di Bohemian Rhapsody (diretto rivale è Christian Bale in Vice, ma Malek è inarrestabile), le categorie femminili potrebbero presentare qualche sorpresa. Quella di miglior attrice è sfida a tre tra Olivia Colman, Glenn Close e Lady Gaga. Noi puntiamo su Glenn Close. È dura scegliere, ma bisogna tenere conto che Gaga ha un Oscar praticamente in tasca come miglior canzone e che si presume in futuro abbia altre chances come attrice. Close, nonostante la lunga carriera non ha mai vinto e l’interpretazione in The Wife merita davvero. Miglior attrice non protagonista Rachel Weisz. Fresca della vittoria ai Bafta potrebbe avere quella marcia in più per battere Regina King, la quale, per quanto viene data per favorita, bisogna ricordare non era neanche nominata ai SAG Awards.

Come film d’animazione Spider-Man: Into the Spider-Verse risulta a sua volta una scelta sicura. Più difficile quella del documentario, ma scegliamo il mozzafiato Free SoloFirst Man, che dopo l’esordio al festival di Venezia sembrava essere in pole position, lo diamo vittorioso solo come montaggio sonoro e missaggio audio.

 

About Michael Traversa 26 Articoli
"O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire."